BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SERVIZIO PUBBLICO/ La crisi greca e l’eventuale commissariamento, 2 febbraio 2012 (video)

Pubblicazione:

Michele Santoro (Infophoto)  Michele Santoro (Infophoto)

Servizio Pubblico, dodicesima puntata, 2 febbraio 2012 – Ieri sera è andata in onda la dodicesima puntata di Servizio Pubblico, programma d’approfondimento politico e non solo condotto da Michele Santoro. Tanti i temi affrontati, tra cui la grave crisi economica che sta investendo il nostro Paese ma in particolare la Grecia, sempre più a rischio default. Ultimamente si è anche parlato di un possibile commissariamento, ma ancora non c’è alcuna certezza riguardo questo provvedimento. Servizio Pubblico propone così un reportage diviso in due parti: nella prima viene intervistato un uomo di nome Tassos, che prima della grave crisi economica lavorava nei cantieri navali, mentre ora non ha più nulla e riesce a malapena a sostenersi  con il cibo che gli passa un’organizzazione umanitaria, a dimostrazione che la crisi greca colpisce la gente comune, come Tassos, che prima ha perso il lavoro e a cui successivamente è stata tagliata la pensione. Dopo una piccola parentesi, riprende il reportage sulla Grecia, dove la classe media ha pagato per la crisi ed è stata praticamente cancellata. A dirlo è anche l’ospite in studio, Maria Panourgia, medico sposata a un italiano, che racconta come si è trasformata la sua Grecia da quando è esplosa la crisi, passando attraverso il possibile commissariamento dell'Unione Europea. Tornando al reportage, l’inviato intervista il conduttore di una trasmissione televisiva che ha come obiettivo quello di spiegare al grande pubblico come salvarsi dai debiti: ora anche il conduttore ha perso il lavoro e ha venduto l’auto per pagare le tasse. Rabbia e sconforto nella popolazione soprattutto anziana, che fatica a fare la spesa e vende tutto ciò che ha per riuscire a sopravvivere. Il conduttore Michele Santoro sottolinea poi che Portogallo e Grecia hanno tagliato pensioni e dipendenti pubblici, ma sono ancora sull’orlo del fallimento e attendono i finanziamenti dell’UE. Si parla poi dell’Italia, dove in un anno la benzina è aumentata del 15,8%, i prezzi nei supermercati del 3,5%, mentre luce e gas hanno subito rincari rispettivamente del 4,9% e del 2,7%. Che cosa bisogna fare quindi? Santoro ironizza dicendo che non bisogna fare domande scomode al conducente, e successivamente il conduttore cita l’ultimo libro di Giulio Tremonti “Uscita d’emergenza”, in cui l’ex ministro afferma che per conservare i suoi interessi la finanza arriva all’ultimo stadio, si mette a governare in presa diretta. Santoro lancia infine un appello a Monti e lo invita ad andare in trasmissione. Continua alla pagina seguente.

 



  PAG. SUCC. >