BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

QUARTO GRADO/ Le intercettazioni contro il marito di Lucia Manca e le affermazioni di Ludovica su Melania Rea, ieri sera 3 febbraio 2012

Pubblicazione:

Salvo Sottile, conduttore di Quarto Grado  Salvo Sottile, conduttore di Quarto Grado

Quarto grado ieri sera - I principali casi di cronaca nera che occupano l’attenzione dei media e del pubblico negli ultimi mesi sono stati al centro della puntata di ieri sera di Quarto Grado: dall’arresto di Renzo Dekleva, il marito di Lucia Manca, accusato di omicidio e occultamento di cadavere, con l'aggravante del legame di parentela, agli sviluppi sull'omicidio di Melania Rea. Ancora le critiche che hanno investito lo svolgimento delle indagini sul caso di Yara Gambirasio, gli aggiornamenti sul processo Sarah Scazzi con l'intervista in esclusiva di Ivano Russo e gli ultimi aggiornamenti sul naufragio della Concordia.
Renzo Dekleva è attualmente recluso nel carcere di Treviso e per ora non ha fatto nessuna ammissione, ma su di lui pendono gravi indizi. Prima di parlare del caso, però, vengono rimandate le ultime immagini di Lucia Manca, ripresa dalla telecamera della banca in cui lavorava, mentre usciva il giorno della sua scomparsa.
Renzo ha sinora raccontato che quel giorno lui è andato a prendere la moglie al lavoro, come faceva di solito poiché la moglie non guidava e di averla riaccompagnata a casa. Alle 18:40 sarebbe uscito per tornare intorno a mezzanotte. La moglie nel frattempo si era addormentata sul divano, lui l'avrebbe svegliata e sarebbero andati a letto. Il mattino dopo, diversamente dal solito la donna avrebbe deciso di prendere il pullman per andare al lavoro e da quel momento sarebbe scomparsa.
Tuttavia molti elementi sono contro di lui: alcune intercettazioni telefoniche con la sua amante nelle quali affermava che se Lucia non fosse scomparsa l'avrebbe fatta sparire lui, la presenza di tracce di saliva della donna nel bagagliaio dell'auto, il cellulare che avrebbe agganciato all'1:55 di notte una cella che si trova lungo il percorso che conduce al luogo del ritrovamento del cadavere, i tentativi dell'uomo di influenzare le testimonianze di alcune amiche della donna.
L'uomo è stato definito dagli inquirenti un abile professionista e una persona davvero glaciale. Glaciale lo definisce anche Picozzi che ritiene che l'omicidio non sia stato di natura passionale.
L'uomo, infatti aveva un'amante alla quale aveva raccontato di essere separato, ma la moglie lo aveva scoperto e, per questo motivo si era rivolta ad un avvocato e aveva spostato 18.000 euro da un conto che aveva in comune con il marito a un conto intestato solo a lei. E proprio questo potrebbe essere stato l'elemento che ha scatenato l'omicidio.
I risultati dell'autopsia sul cadavere della donna non sono stati ancora resi pubblici, ma l'ipotesi più verosimile è che la donna sia morta per soffocamento. Il generale Garofano avvalla questa ipotesi anche con un altro elemento, la colorazione assunta dai denti.
Barbara Palombelli commenta gli sviluppi del caso affermando che tutti erano pronti a questa evoluzione, ma che quello che più l'ha colpita è stata la freddezza dell'uomo. Meluzzi commenta che, evidentemente l'uomo aveva raggiunto un limite nel gestire la sua doppia vita e che abbia ucciso la moglie per rimuovere l'ostacolo che gli impediva di vivere come aveva in mente.
A proposito della doppia vita dell'arrestato viene riproposto una telefonata della redazione di Quarto Grado all'amante di Renzo.
La donna afferma di non essere mai stata l'amante di quest'uomo, poichè hanno vissuto la loro storia alla luce del sole, e che tutto questo è stato devastante anche per lei, ma che quella che ha pagato più di tutti è Lucia che è morta. Racconta di come l'uomo l'abbia continuata a chiamare dopo la scomparsa di Lucia e di come lei lo reputi una nullità. La Palombelli commenta affermando che questa donna va rispettata e si domanda come mai questa tipologia di uomini uccidono le proprie donne piuttosto che lasciarle quasi pensassero che senza di loro non possano più vivere.
L'argomento successivo è l'imminente processo a carico di Salvatore Parolisi accusato dell'omicidio di sua moglie Melania e del vilipendio del suo cadavere. Il processo avverrà con rito immediato il 27 febbraio, mentre martedì gli avvocati dell'uomo dovranno scegliere se chiedere o meno il rito abbreviato che consentirebbe un eventuale sconto di pena. L'uomo si professa innocente. L'analisi del computer usato da Parolisi ha fatto affiorare delle chat con dei trans, un fatto privato che però potrebbe avere un peso nella ricostruzione del movente: e se Melania lo avesse scoperto e ne avesse discusso con lui?
Il servizio sul caso procede con la ricostruzione degli indizi a carico dell'imputato e con la dichiarazione rilasciata di recente dall’amante di lui Ludovica agli inquirenti in merito alle telefonate avute con Melania.



  PAG. SUCC. >