BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SFOOTING/ Con il decreto "lecca-lecca-Italia" diventeremo un’immensa Baviera

Pubblicazione:

Foto Imagoeconomica  Foto Imagoeconomica

Dopo la prima raffica di “decreti Passera”, che hanno introdotto una serie di liberalizzazioni utili a tamponare gli effetti della crisi, il governo Monti ha deciso di prendersi una breve pausa. Ma le misure che verranno adottate nel secondo semestre saranno ancora più incisive per garantire il rilancio della nostra economia. Lo ha confermato lo stesso ministro Corrado Passera, incrociato a L’Aquila all’uscita della mostra del suo pittore preferito, Paolo Uccello, in un’intervista rilasciata a un cronista della Berliner Zeitung: “Siamo pronti a varare decreti pro-concorrenza di tale portata che a Berlino non ci metteranno più alla berlina!”. Vediamole, allora, nel dettaglio le misure previste.

Luglio: decreto “binario-Italia”. Liberalizzazione delle ferrovie. Istituzione di nuove tratte, tra cui l’Etna-Cervino e la Firenze-Cagliari. Gli abitanti di Pantelleria, per liberarsi di tutti i profughi extracomunitari, hanno chiesto di poter istituire la tratta Pantelleria-Rejkyavik-Bolungarvìk (nel nord dell’Islanda) con biglietto di sola andata. Gli abitanti di Ponza hanno proposto di costruire la Ta-Ra-Ta-Ponza-Ponza-Pa (la linea Taranto-Ravenna-Taranto-Ponza con circumnavigazione ferroviaria di Ponza-Palermo). In collaborazione con l’azienda delle Funivie della Valle d’Aosta verrà invece inaugurata entro la fine del 2013 la cremagliera Monte Bianco-Monte Rosa-Crema-Cremona-Creme Caramel (in Francia)-Schwarzwälder Kirschtorte (torta Selva Nera, in Germania). Soddisfatto il ministro Passera, che ha rilasciato una gustosa dichiarazione alla Sächsische Zeitung (il quotidiano dei pasticcieri che fanno la Sacher): ”Prenderemo per la gola i nostri partner europei: in fondo, abbiamo scoperto che la Selva Nera è tutta pan di Spagna!”.

Agosto: decreto “sdràiati-Italia”. Liberalizzazione delle attività inutili con istituzione dell’Albo dei Nullafacenti. Le attività inutili non saranno più ritenute (d’acconto) tali, così da incrementare nuova occupazione. La carriera professionale del nullafacente si snoda lungo un percorso di fasce di merito (e di stipendio): guardaebasta, guardanelvuoto, guardaspalle, guardasterno, guardaboschi, guardieladri, portiere di notte-centromediano di giorno, guardone (il top della carriera). Possibilità di affittare amache ad amici, maache a parenti. Passera, senza muovere un dito, ha fatto titolare alla Mitteldeutsche Zeitung: “Con questo decreto, i tedeschi non potranno più dire che noi italiani siamo al mondo solo per “pelà i pomm” alla Pomerania!”.



  PAG. SUCC. >