BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BERNARDINI SOSTIENE CHE../ Panariello, Costamagna e Frizzi per la tv che aspetta la “primavera”

Pubblicazione:

Nina Zilli e Giorgio Panariello (Infophoto)  Nina Zilli e Giorgio Panariello (Infophoto)

...la tv aspetta ancora la primavera. Tre debutti in prima serata, la settimana scorsa, ma nessun miracolo, o almeno tentato miracolo, o almeno tentata innovazione. È arrivato Panariello non esiste il lunedì, dopo tre anni di lavoro coi suoi autori prima in teatro poi nel grande studio di Cinecittà (lo stesso e stesso giorno di messa in onda di Fiorello), ed è stata assoluta normalità: quel che ci aspettava dal comico toscano e niente più. Ho scelto di farne una serata di Live tweetting, di commentarlo cioè a caldo in dialogo con i follower, e ne traggo qualche spunto:

 

- Apertura Panariello suntuosa e ricca (regia Vicario e scenografia Castelli: stessi di Sanremo), con De Gregori improbabile swing. Battute...

- Comunque l’impianto dello studio, le inquadrature, le luci, dicono eleganza e gran lavoro visivo. Le gag? Si aspetta a #panariellononesiste

- Aspettiamo con Fiorello: cominciamo col riconoscere che dopo gli errori di Zalone Canale 5 con #panariellononesiste punta in alto

- Ragazzi, vedo troppa impazienza. Lasciamo carburare #panariellononesiste. Poi si potrà anche criticare con la consueta spietatezza

- 9 minuti alla mezzanotte: fateci la grazia di chiudere #panariellononesiste in giornata. Sottile per Italia’s got killer: poi basta però...

- Un grande trombettista e una buona orchestra non fanno di #panariellononesiste un grande show. Perplesso. Good night, sleep tight

- Che distrazione! Era Fabrizio Bosso, tromba e flicorno, la vera stella di #panariellononesiste ieri sera. Ne parlavo ma non gli davo un nome

 

Insomma, sembrava una serata deludente, di quelle che ancora una volta certificano la crisi di Canale 5, e invece la mattina dopo i dati d’ascolto sono in totale dissonanza. Così twitto:

 

- L’ho detto che serviva prudenza e non valutazioni affrettate: per #panariellononesiste 6.581.000 teste e 27,29. Cosa non abbiamo capito?

 

Certo stasera la partita si riapre, ma forse - al di là del mistero del gradimento che sembra ormai un parametro scomparso nella nostra tivù - il pubblico ormai si accontenta. Come si è accontentato, venerdì, del nuovo show testato da Fabrizio Frizzi su Raiuno: Non sparate sul pianista, che sostanzialmente pareggiando intorno al 17% di share con la corazzata Zelig, ha portato a casa un ragguardevole risultato. Meno bene per Robinson su Raitre, il primo show di prima serata affidato a Luisella Costamagna, che non è arrivato al 4% di share. Anche stavolta un tweet avventato:

 

- Costamagna e Frizzi (#tvtalk aspetta). Rai3 trova in L nuova risorsa: carattere ed empatia. Rai1 testa ennesimo karaoke col buon soldato Fab

 

Ora, a me pareva di aver visto da una parte un Frizzi al solito impeccabile, col suo fido capo autore Fasulo, alle prese con l’ennesimo format-karaoke in forma di gioco a squadre. E una Costamagna viceversa di carattere (fatta la tara sulle sue posizioni preconcette: vedi intervista alla Carfagna), vivace, con un impianto scenico inadeguato, un’apertura col solito Landini, ma sostanzialmente piacevole. Il pubblico, per tante ragioni, l’ha invece bocciata sonoramente. L’ho detto, la tv aspetta ancora primavera, così uno si butta magari sul teatro.



  PAG. SUCC. >