BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BALLANDO CON LE STELLE 8/ La finale, Anna Tatangelo: il talent show è una scuola per scoprire l’arte, imparare e crescere

Pubblicazione:

Anna Tatangelo e Stefano Di Filippo  Anna Tatangelo e Stefano Di Filippo

BALLANDO CON LE STELLE 8 LA FINALE - Intervista ad Anna Tatangelo - Stasera Ballando con le stelle 8 arriva alla finale, in onda su Rai Uno alle 21.10. Chi sarà il vincitore? Sono approdati alla sfida decisiva e conclusiva sei coppie: Ria Antoniu con Raimondo Todaro; Anna Tatangelo con Stefano Di Filippo; Marco Delvecchio con Sara Di Vaira; Bobo Vieri con Natalia Titova; Andres Gil con Anastasia Kuzmina; Lucrezia Lante Della Rovere con Simone Di Pasquale e saranno proprio questi ballerini vip affiancati dai maestri di ballo a sfidarsi a passi di boogie, tango, paso doble per aggiudicarsi l’ambita vittoria. Abbiamo raggiunto Anna Tatangelo tra una prova e l’altra, che in esclusiva ci ha raccontato come sta vivendo l’attesa per la finalissima e come è stato il suo percorso nel programma. Ma Anna, oltre che un’ormai talentuosa ballerina e una giovane mamma, è soprattutto una cantante popolare in Italia e apprezzata anche all’estero, un’ ex “enfant prodige” della canzone italiana che ha saputo lavorare per mantenere il successo. Con lei abbiamo fatto una riflessione sul controverso rapporto tra musica e talent show come occasione per lanciare nuovi artisti. Scoprite cosa ne pensa...

 

Perché hai accettato di partecipare a Ballando con le stelle 8 e come giudichi la tua esperienza al talent show?

 

Ho voluto partecipare al talent show per fare un’esperienza di crescita artistica. Ho affrontato questo percorso televisivo e professionale come se fosse una scuola. Mi diverto moltissimo, ma soprattutto imparo tante cose che sicuramente mi saranno utili in futuro.

 

Oltre che cantante, hai esperienza televisiva e sei anche mamma. Ballando con le stelle è un programma che guarderesti in famiglia? Pensi che la tv generalista possa ancora essere “per bambini”?

 

Alla fine il discorso va riferito al genitore. Finché i bambini sono piccoli puoi decidere e guidare la sua fruizione della televisione, quale programma permettergli di guardare. La televisione propone sia programmi di qualità, sia prodotti di puro intrattenimento non adatti ai bambini. Ma l’offerta è davvero ampia per cui c’è una vasta possibilità di scelta.

 

Sei stata giudice a X Factor e ora sei tu a dover essere valutata. È più facile giudicare o essere giudicati in un talent show?



  PAG. SUCC. >