BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ZELIG/ Oriano Ferrari e i retroscena del Gran Premio di Formula 1 (video)

Pubblicazione:

Paola Cortellesi e Claudio Bisio  Paola Cortellesi e Claudio Bisio

Zelig, puntata del 23 marzo 2012 (video) – La comicità italiana firmata Zelig e presentata come sempre da Claudio Bisio e Paola Cortellesi, ha raggiunto venerdì 23 marzo la sua decima puntata. E’ stato, come spesso accade il venerdì sera, il programma più visto della serata con il 18,63% di share, vale a dire 4.390.000 spettatori. Il primo a esibirsi sul palco di Zelig è stato il mago Forest, che ha proposto un numero di teletrasporto all’insegna della demenzialità, che solo un mago come lui sa rifilare. Si è presentato accompagnato dal pupazzo Black, un corvo nero che ha voluto approfittare della trasmissione di successo per protestare contro la casta dei pupazzi: lo scimmione del crodino, il Gabibbo e Emilio Fede, perché a quanto pare in televisione lavorano solo loro. Simone Barbato, il piccolo mimo vestito di nero disinteressato a tutto ciò che gli gira intorno, ha presentato alla sua maniera la siringa, il cobra, la pallina della roulette con la complicità di Bisio e Cortellesi e, a richiesta del pubblico, la famosa candela. Franco e Pietro dei Senso d’Oppio si sono esibiti mostrando la loro sorprendente abilità mimica attraverso il ritmo esagerato di musiche bizzarre cantate in playback. I Boiler hanno poi simulato una conferenza stampa di fasulli giornalisti di dubbie testate. L’inviato Fabrizio Anselmo di “Gallette, Farro e Riso Soffiato” una rivista che non sa di granché, ha chiesto dove poteva trovare un rivenditore di porchetta per farsi un panino e saziare la fame. Il redattore Massimo Rivolti di “Senso d’Orientamento” ha domandato a Bisio dove si trovava. Il comico livornese Paolo Migone ha creato questo personaggio dall’occhio nero, con indosso un camice bianco, che ha una visione pessimistica della vita di coppia. Questa volta la moglie scopre nel garage una moto occultata nel cellophane ed esplode la tragedia. La serata scorre velocemente e gli artisti si susseguono a ritmo esagerato. Quando sul palco arrivano poi gli adolescenti Emo, Bisio vorrebbe fuggire. La Cortellesi invece è più propensa a conoscere il loro mondo. I ragazzi adorano gli animali, peccato però che li confondono con quelli delle pubblicità. Per gli appassionati di automobilismo, Marco della Noce, alias Oriano Ferrari tecnico della Scuderia del Cavallino, ha raccontato il dietro le quinte del Gran Premio di Formula Uno disputato in Australia, svelando retroscena e curiosità della Rossa. Ale e Franz hanno messo in scena la coppia d’incapaci gangster Gin e Fizz alle prese con situazioni alquanto inverosimili. Il giustiziere di Zelig, Giorgio Verduci , armato della sua mazza ha colpito a boiate le piccole angherie quotidiane. Massimo Bagnato nella sua performance ha coinvolto anche il pubblico chiedendogli di esprimere un parere a una sua richiesta, per alzata di braccio. Giuseppe Giacobazzi a Zelig ha presentato alla sua maniera, un episodio divertente che ha reso protagonista Lapo Elkan. Durante la partita di basket del campionato americano NBA il rampollo della famiglia Agnelli a bordo campo ha toccato la palla decisiva per i Raptors. Il comico romagnolo è riuscito a trasformare un banale incidente in una scenetta spassosa. Gianluca De Angelis, Gianmarco Pozzoli e Marta Zoboli, conosciuti come il Trio Sagapò, hanno fatto incontrare i loro personaggi in uno Speed Dating: un tavolo, due sedie, uno di fronte l’altro e una continuità di battute a tempo limitato. Diego Parassone ha portato sul palco di Zelig un problema attuale: quando si rompe una cosa, si riceve solo il consiglio di ricomprarla nuova, ma mai nessuno che offre un pezzo di ricambio. A chiudere la serata c’è stata la performance di Paolo Labati, l’ubriaco che si perde in continuazione nei corridoi di Zelig e è convinto che il corpo umano sia composto per il 30% da gin tonic e per il restante 70% d’acqua.




  PAG. SUCC. >