BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CHI L’HA VISTO?/ Le novità su Melania Rea e Roberta Ragusa. Il dolore dei familiari di Luca Rosi

Pubblicazione:

Federica Sciarelli  Federica Sciarelli

CHI L'HA VISTO? - Novità su Melania Rea e sulla scomparsa di Roberta Ragusa a Chi l'ha visto? nella puntata andata in onda mercoledì 7 marzo 2012. Ma al programma di Federica Sciarelli il dolore e la rabbia dei familiari di Luca Rosi, il giovane ucciso nella rapina nei pressi di Perugia mentre cercava di difendere la fidanzata dalla banda di criminali. Affrontando proprio il caso di Luca Rosi, Federica Sciarelli propone la testimonianza di una ragazza che ha vissuto un'analoga rapina con violenza sessuale ai danni della madre, fatto accaduto a pochi chilometri da Perugia. La ragazza, che ha scelto di rimanere aninima, parla dei possibili colpevoli: "secondo me erano albanesi, uno dei due aveva gli occhi verdi ed era alto 1 metro e 65 circa, ricordo benissimo questo".  In collegamento dall'abitazione, la famiglia di Luca è seduta a un tavolo. L'inviato spiega che i funerali si terranno oggi, 8 marzo 2012. Il padre Giorgio racconta cosa è successo a suo figlio: le modalità con cui hanno agito sembrano essere le stesse di quelle descritte dalla ragazza rimasta anonima. Poi parla la sorella Mariagrazia: "era una persona straordinaria, socievole, sempre pronta ad aiutare tutti. Mary non riesce a perdonarselo: ha detto che si sarebbe fatta violentare pur di poter evitare che uccidessero Luca". Sono passati 54 giorni dalla scomparsa di Roberta Ragusa e ancora non si sa nulla. Letizia Baldassi, un'amica, la ricorda molto legata alla famiglia: "non avrebbe mai lasciato i suoi figli. Non ho motivo di pensare ad un allontanamento volontario". Sia lei che un'altra persona a lei vicina(che ha scelto di rimanere anonima), continuano a sostenere problemi coniugali. Antonio Logli(il marito) è stato iscritto al registro degli indagati. La scientifica ha perlustrato l'autoscuola in cui lavorava, la casa, la scala del primo piano e un magazzino. Nelle prossime settimane si saprà il risultato delle indagini.

Aggiornamenti sul caso di Melania Rea: nelle ore dell'omicidio, quando non si sa che fine abbia fatto, si scopre che, probabilmente, Salvatore Parolisi si è preoccupato di andare a svuotare un armadietto in caserma, contenente alcuni regali di Ludovica. Così ha detto proprio l'amante alla procura. In un'intercettazione tra lei e una sua amica, inoltre, è contenuto uno strano elemento: una borsa che probabilmente era appartenuta a Melania. In collegamento, l'avvocato Mauro Gionni (legale della famiglia di Melania), conferma la strana sparizione degli elementi: "non vi è traccia di loro, ed appartengono a tutta una serie di accorgimenti utilizzati da lui per nascondere alcune tracce sospette". Assieme a tali elementi, Gionni parla anche dei contatti e dei file occultati dal computer: "non vogliamo con questo entrare nel merito della sua vita privata: a noi interessa sapere perché ha tentato di nascondere i dialoghi con dei transessuali. Quello di cui siamo certi è che sono stati voluti e non, come diceva lui legati a un virus del pc". Continua alla pagina seguente.



  PAG. SUCC. >