BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCHERZI A PARTE 2012/ Luca e Paolo: satira su Lega Nord, Umberto Bossi e scherzo a Castelli. Il video

Pubblicazione:

Paolo Kessisoglu e Luca Bizzarri  Paolo Kessisoglu e Luca Bizzarri

SCHERZI A PARTE 2012 - Luca e Paolo, satira su Umberto Bossi - Non poteva mancare a Scherzi a parte 2012, di cui ieri sera su Canale 5 è andata in onda la seconda puntata in diretta, la satirca, da parte di Luca e Paolo, su Umberto Bossi e la Lega Nord alla luce dei recenti fatti di attualità. E per coronare il tutto, un bello scherzo all'ex ministro del Carroccio Roberto Castelli. Ma ripercorriamo l'esilarante secondo appuntamento con Scherzi a parte 2012.  Il primo vero scherzo è a Mariano Apicella, che invitato a prender parte a una presunta serenata verso una ragazza di nome Carmela, si troverà a contatto con una banda di mafiosi siciliani, che riconosciutolo, lo rapiranno accusandolo di stare corteggiando la persona sbagliata: la consorte del famoso boss "Nino 'o bello". Pur terrorizzato, Mariano non accennerà una reazione neanche quando gli verrà versata addosso della benzina (un finto liquido dall'odore simile). E restando in tema di "noir", sono ospiti Ale e Franz, nel ruolo di Gin e Fizz, il famoso duo di gangster che ha fatto "epoca" a Zelig. Stavolta i due saranno affiancati da "Martini e Dry", ovviamente Luca e Paolo. Poi è il momento di Roberto Castelli, ex ministro della Lega che, invitato a commentare la coppa America di vela, si troverà di fronte a un ospite, finto invalido, che renderà l'ambiente movimentato con alcune peripezie al microfono, dopo aver alzato un po' il gomito. Umberto Tozzi entra in studio per cantare coi due conduttori una canzone (rifacimento ironico di un brano del cantante), che inneggia alle "maggiorate" del passato: Sabrina Salerno, Carmen Russo e le ragazze Fast Food di Drive In. Dopo l'esibizione, l'ospite annuncia uno scherzo a Juliana Moreira, invitata come protagonista di una serie di candid camera. Peccato che, nei bar in cui verrà mandata, i proprietari (anch'essi attori), non reagiranno troppo pacificamente, chiamando la polizia. In studio, la sorridente brasiliana sarà in onda, e riceverà anche un secondo scherzo, provando un balletto senza sapere di essere in onda. Subito dopo, Luca si trasformerà nel conduttore de "il pranzo è servito", in una battaglia in cui si fronteggeranno Paolo(nel ruolo di Consuelo, un concorrente imbranato e inopportuno) e Platinette. Nello scherzo successivo la vittima è Fabrizio Corona, invitato a fare un servizio fotografico con alcune clienti del bingo decisamente attempate, ma che non hanno perso alcuna voglia di fare proposte oscene. Ma il clou saranno le avances esplicite della madre del proprietario, di cui proprio quest'ultimo, da buon siciliano, è molto geloso. Ma quando la situazione degenera, è ora di svelare l'arcano. Intanto Platinette lancia lo scherzo di cui è stata vittima, nel quale spicca un gancio noto: si tratta di Serena Garitta, ex "gieffina". Nelle immagini, la colorata opinionista si troverà a far parte di un inseguimento a bordo di un auto che, al posto di portarla in televisione, verrà requisita da due poliziotti. Dopo un momento di guida al cardiopalma, Platinette si troverà nel bel mezzo di una sparatoria. E come ogni puntata, Luchino e Paolino (i due bambini intervistatori) realizzano il loro "minitalk" intervistando Fabrizio Corona. Anche Ale e Franz tornano, realizzando uno sketch che, con sagacia, ironia e un pizzico di "cattiveria", prende in giro Luca e Paolo. Successivamente è preso di mira un calciatore: il campione del mondo Vincenzo Iaquinta. Il calciatore verrà portato, con la complicità della moglie, in una clinica che applica improbabili tecniche di guarigione. Marito molto geloso, perderà la pazienza quando anche la moglie verrà trascinata in un metodo per il dimagrimento alquanto dubbio. Tornati in studio, ci sarà uno spettacolo dell'abile trasformista Arturo Brachetti, star internazionale nel suo campo. Luca e Paolo, a fine esibizione, tenteranno di imitarlo, inizialmente con scarsi risultati, per ottenere poi, a seguire, qualche successo. Poi, a grande richiesta, verrà riproposto lo scherzo ad Alfonso Signorini, mandato in onda la prima volta la scorsa settimana. Il giornalista se l'è infatti vista con un toro innervosito dalla sua voce: lui è terrorizzato da tali animali. E allo scherzo seguirà un controscherzo fatto di un montaggio troppo offensivo del filmato. Poi è la volta del consueto appuntamento con la celebrazione del "ventennio" di scherzi a parte, con una classifica degli scherzi più belli della storia del programma: la "top five" di oggi è tutta dedicata agli animali. Al quinto posto c'è uno scherzo del 1995 a Nilla Pizzi, alle prese con un cavallo che gli richiede le canzoni. Continua alla pagina seguente.  



  PAG. SUCC. >