BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

EMERGENZA CANI/ A Pomeriggio 5 Rita Dalla Chiesa e Sveva Belviso parlano dell'allarme randagismo

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Barbara D'Urso  Barbara D'Urso

Emergenza cani: a Pomeriggio 5 Rita Dalla Chiesa e Sveva Belviso parlano dell'allarme randagismo - Nella seconda parte di questa puntata di Pomeriggio 5, Barbara d'Urso dedica un omaggio a un calciatore della Lazio, Mirko Fersini, che in coma da tempo a seguito di un incidente stradale, non ce l'ha fatta e ha perso la vita. I genitori hanno deciso di donare gli organi, e Barbara, oltre al saluto, si mostra solidale nei confronti del loro coraggio. Poi la conduttrice puntualizza una notizia in cui un parroco pare abbia negato la comunione a un ragazzo autistico commettendo una discriminazione. Il parroco ha risposto, come riporta un'Ansa, spiegando che il ragazzo non aveva finito il percorso eucaristico, e i genitori pretendevano di fargli fare la comunione in anticipo. Si passa poi a parlare della "collina della paura", una zona di roma tra Magliana e Portuense piena di centinaia di cani randagi che stanno intimorendo i residenti. Un gruppo di volontari sta cercando di arginare il problema disponendo del cibo sui marciapiedi per tenere sazi gli animali. E non solo: il gruppo sta vaccinando i cani per permettere di adottarli. Ma il ritmo delle nascite cresce a dismisura, e il problema sta diventando difficile da arginare. In collegamento da Roma, il vicesindaco Sveva Belviso. Assieme a lei, la presidentessa italiana dei diritti degli animali Angela Troi. Inoltre, sempre dalla capitale, sono collegate Alessandra Mussolini e Rita dalla Chiesa, impegnata da anni nella battaglia contro l'abbandono dei cani. Da Canicattì è collegato Riccardo Daniele, aggredito da un branco e salvo grazie all'intervento del fratello e di un amico. L'uomo riferisce di essere stato azzannato a un braccio e alla schiena, dove ha dovuto ricevere 30 punti di sutura. Poi parla anche delle ripercussioni psicologiche: "La notte è difficile dormire. E a ricordarmi tutto ci sono anche i dolori che spesso provo ancora". Viene poi data la parola a Sveva Belviso, che parla del fenomeno a Roma: "Si tratta di un branco pacifico, a quanto dichiarato dalle Asl. Ciò non toglie che il fenomeno va arginato, in quanto potrebbe diventare incontrollabile". La conduttrice mostra l'opinione dei residenti: la paura e tanta, in virtù delle numerose notizie che si sentono al telegiornale che riguardano persone sbranate da branchi di cani. Marco Ceriani riferisce le opinioni del blog: qualcuno scrive anche dalla zona interessata, raccontando di dover camminare per oltre un chilometro tutti i giorni per lavoro. Sveva racconta cosa si sta facendo per fronteggiare il problema: "C'è un'associazione cani liberi che dovrebbe tutelare e monitorarne le dimensioni". Loredana Pronio (presidente della federazione Italiana dei Diritti Animali), in tono polemico, fa notare quanto tempo sia dovuto passare prima che qualcuno si accorgesse dell'emergenza. Ringraziando Barbara dello spazio, cerca di suggerire una soluzione: "C'è stata una legge varata addirittura vent'anni fa, che non è stata fatta rispettare dalla Asl. Tale legge prevedeva un ufficio per il benessere degli animali che, oltre a non aver fatto mai nulla, è stato chiuso. E a me, spesso, è stato riattaccato il telefono in faccia". Alessandra Mussolini, rispetto al randagismo, esprime la sua opinione: "I primi colpevoli sono coloro che li abbandonano. Io delle volte, quando porto in giro il mio cane, ho paura. C'è gente che lascia liberi cani della mia stessa altezza. Certo, gli animali vanno rispettati, ma anche la libertà del cittadino, che cosi viene meno".



  PAG. SUCC. >