BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MENU’ DI BENEDETTA/ Ricette del "menù golosi contrasti": dai carciofi croccanti agli arrosticini al miele. Preparazione e video

Pubblicazione:

Benedetta Parodi  Benedetta Parodi

Menù di Benedetta. Ricette del "menù golosi contrasti" preparazione e video - Questa sera Benedetta Presenta un "menù golosi contrasti": tagliatelle con carciofi croccanti, arrosticini al miele e coppa caldo-freddo.
Claudio Sadler sarà poi ospite in studio per preparare uno dei suoi piatti: tatin di carciofi con mozzarella. L'apericetta è invece un "pilot" di patate.
ARROSTICINI AL MIELE - Tagliando in piccoli pezzi 400g di petto di pollo, Benedetta li infilza in uno stecchino grande e li mette a marinare una decina di minuti nel latte. Quindi, ponendo un goccio d'olio in padella, vi adagia gli spiedini, dopo averli infarinati, per cuocere. Mentre rosolano, la conduttrice crea un purè con 3 patate lessate e schiacciandole con un filo d'olio e l'aggiunta di sale. Quindi, frulla il tutto con la frusta elettrica, e per rendere più vellutato il composto aggiunge un altro pizzico d'olio. Togliendo gli arrosticini dalla padella, allunga il tutto con un bicchiere di vino bianco, il succo spremuto di un limone e tre cucchiai di miele. Quindi, pone il sale sugli arrosticini e li tuffa nel miele, facendoli girare per caramellare il tutto. Per impiattare, infine, divide in palline il purè e lo unisce agli arrosticini.
Anche la tavola quest'oggi è dai contrasti forti: dominano il rosso della tovaglia e il bianco di piatti, sottopiatti e bicchieri. Per il lavoretto, la conduttrice mette a bagnomaria della cera bianca per renderla liquida, e la colora con tempere rosse e arancioni. Per finire, versando tutto in un bicchiere, fa raffreddare e ottiene le candele finite che pone al centro della tavola.
E' il momento dell'ospite, che porta in regalo uno dei suoi libri di cucina: "menù per quattro stagioni".
PATEN DI CARCIOFI CON MOZZARELLA - Sadler mostra come pulire i carciofi, utilizzando come accorgimento un limone per bagnare le mani(evitando cosi di annerirle). Una volta ripuliti tali ortaggi, Sadler prende delle patate precedentemente affettate sottili, sbucciate e poste in acqua ad ammorbidire, e le porta a ebollizione ancora in acqua per sbianchirle. Successivamente, va a stufare i carciofi in una pentola con un filo d'olio, un pizzico di sale e uno spicchio d'aglio, allungando con un po' di vino bianco. Dopodiché, fa cuocere tutto per 15 minuti. A carciofi cotti, li divide in pezzi e passa a comporre la tatin, in piccole teglie del diametro di 10 cm con carta forno. Il primo strato di ogni teglia è realizzato con patate, sovrastate poi dai carciofi, in uno strato anch'essi. A completare il tutto, dei sottili strati di formaggio Casera, uno strato di sfoglia forata con una forchetta e una spennellata, su di essa, col tuorlo di un uovo. Tutto quanto viene passato in forno per 15 minuti a 180 gradi. Dopo aver fatto raffreddare qualche minuto, i tatin vengono estratti dalle pentole e decorati con mozzarella di bufala tagliata a dadini e fatta asciugare. Per sciogliere tale mozzarella, sono necessari altri 5-10 minuti in forno a 200 gradi. Ma il piatto non è finito: gli viene abbinata un insalata di carciofi che, tagliati molto sottili, vengono conditi con sale, olio e un po' di pepe e posti come decorazione di ogni tatin.
COPPA CALDO FREDDO - Benedetta scioglie 150g di cioccolato bianco e 50 ml di panna. Altri 100 ml di panna invece, li monta con dello zucchero al velo. Pone quindi a raffreddare il cioccolato bianco, e passa a montare un bianco d'uovo con un pizzico di sale. Nel bianco raffreddato incorpora l'uovo, e unisce a tutto anche la panna, mescolando per ottenere una mousse che lascia in frigo 4 ore. Prima di togliere tutto dal frigo, passa a realizzare la parte calda del piatto, sciogliendo 150g di cioccolato fondente e 150ml di panna, aggiungendo 50 ml di latte per completare tutto e renderlo più fluido. L'impiattamento avviene in una coppa, nella quale, a una base di cioccolato caldo, viene aggiunta una pallina di mousse fredda. Completa il tutto una "cascata" di gocce scure di cioccolato fondente caldo. (continua)



  PAG. SUCC. >