BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MELANIA REA/ A Pomeriggio 5 il ricordo della donna a un anno dalla morte

Pubblicazione:

Barbara D'Urso  Barbara D'Urso

Il motivo che racconta Stefan, riguardante l'allontanamento, è un suo litigio con la ragazza: "Proprio per questo ho deciso di scappare anche io. Abbiamo preso un treno, senza sapere dove andare. Ma l'intenzione era solo di dare un segnale. Siamo arrivati ad Udine e ci hanno controllato anche i documenti: ma non c'era stata denuncia per noi, e quindi ci hanno lasciati andare. Da li, c'è venuta l'idea di andare in Austria. Ma cambiando vari treni, siamo giunti a Budapest, e ci siamo rimasti perché io sono Moldavo, e so parlare il Rumeno". Poi, con una leggera commozione, il ragazzo continua: "Io supponevo che lì ci avrebbero fermato alla frontiera, quando stavamo andando in Romania. Oramai la denuncia era stata fatta. Ci hanno alloggiati in una casa famiglia". La D'Urso chiede come mai non sia stato possibile, per la madre e per la trasmissione, mettersi in contatto con la casa famiglia. E il ragazzo non sa dare spiegazioni a riguardo. Poi, assieme ai genitori, la madre specifica come l'allontanamento sia nato da Antonio. Ma al telefono, Francesca Sciutti (madre del ragazzo), è in collegamento per sostenere il contrario: "Non è vero che è partito da mio figlio. E non è neanche vero che i due si frequentassero da tempo. Non erano cosi amici come la madre sostiene". Ma la madre di Stefan non ci sta a sentire tali accuse: "Non è colpa né mia né tua, non si più dire che qualcuno abbia responsabilità in questa storia". Poi interviene anche il padre Antonio Rovati: "Nessuno ha puntato una pistola in testa a suo figlio". Poi, prima di occuparsi dell'omicidio di Melania Rea, si parla della storia di una ragazza ospite a San Patrignano, a cui lo stato non vuole affidare il proprio bambino. La protagonista è Samantha, che in collegamento telefonico però comunica in lacrime una notizia lieta: "Gli avvocati della comunità sono riusciti ad ottenere l'affidamento nella comunità, e lei potrà riabbracciarlo". Quindi, ad un anno dalla morte di Melania, in collegamento ci sono lo zio di Melania Gennaro e un amico di famiglia. Da Roma, Mario Adinofli, del settimanale "The week" (che fa un breve punto sulle indagini, ancora ferme). Da Napoli, la migliore amica di Melania, Imma Rosa. Lo zio mostra una foto che verrà regalata a tutti i presenti, oggi, nella messa commemorativa. Imma mostra l'ultimo regalo ricevuto dalla vittima, una maglietta che indossa.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.