BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MENU’ DI BENEDETTA/ Le ricette del sabato sera: tagliatelle con mazzancolle, burritos, torta di mele. Preparazione e video

Pubblicazione:

Benedetta Parodi  Benedetta Parodi

Menù di Benedetta. Preparazione e video - Oggi Benedetta presenta il "Menu Sabato Sera". Si, perché a volte il Sabato sera è più divertente invitare amici a cena a casa che andare a mangiare fuori.
Tagliatelle con mazzancolle, pomodorini e rucola - Si parte ovviamente con il primo piatto. Si possono usare le mazzancolle surgelate.  I pomodorini si devono tagliare a metà lasciandoli belli integri e occorre mettere in padella una buona quantità di olio. Nel frattempo si prende la rucola e si taglia appena. Si mettono dunque a cuocere le tagliatelle all'uovo (250 grammi), facendo attenzione che siano tagliatelle che abbiano davvero l'uovo fresco nell'impasto. Si buttano dunque in padella 400 grammi di mazzancolle ancora surgelate. Si alza poi il fuoco per fare in modo che si ammorbidiscano. Le tagliatelle ormai sono pronte e si possono dunque andare a scolare, tenendo prima però un po' di acqua di cottura da andare ad aggiungere al sugo se necessario.
Per il tavolo si può riprendere un po' lo stile trandy dei ristoranti del sabato sera, in modo da fare un po' di scena glamour per invitare gli amici in una serata in cui magari c'è tanta gente. Con lo stesso tessuto della tovaglia si possono decorare anche le candele per rendere il tutto molto più omogeneo.
Burritos - Alla porta suona Simone Annichiarico che preparerà quest'oggi i burritos e che ha portato in regalo a Benedetta un libro scritto da lui in cui racconta dei suoi viaggi con il padre, Walter Chiari, in giro per il mondo. Per fare i burritos occorre innanzitutto tagliare un po' di cipolle ed il peperone. Entrambi questi ingredienti vanno fatti saltare in padella. Benedetta intanto chiede a Simone qualcosa sui talenti che si presentano all'Italia's got Talent. Secondo Simone il talento consiste nel saper emozionare e lo si può fare anche, paradossalmente, senza fare nulla. Intanto in una padella si procede con la cottura della carne macinata. Alla carne si può aggiungere anche un po' soia che, essendo salata, sostituisce anche il sale. Si deve poi provvedere a scaldare i fagioli, ai quali va aggiunta un po' d'acqua. Walter intanto racconta qualcosa di suo padre e dice che gli piaceva divertirsi in cucina e creava degli intrugli incredibili, preparando delle minestre in cui metteva gli ingredienti più disparati. La preparazione va avanti. Si scalda la piadina e si taglia a pezzi il formaggio mettendolo sulla piadina stessa. Si mette dunque su tutto la carne e anche qualche foglia di insalata e dei pomodorini. Aggiunti anche i peperoni si può chiudere la piadina ed ecco che il burritos è ormai pronto.
La torta di mele della Pin (che prende il nome da un'amica di Benedetta) ha la particolarità di essere servita fredda, quindi è perfetta per l'estate. L'impasto richiede tre uova, 100 grammi di zucchero, 100 grammi di farina e 100 grammi di burro, un pizzico di sale, e una bustina di lievito. Vanno bene tre mele che occorre grattugiare. La teglia deve essere rettangolare e dopo aver posizionato la carta da forno si può buttare dentro l'impasto e livellare bene. Si mette dunque in forno a 180 gradi per 20 / 25 minuti e si fa cuocere. Il risultato è una torta di forma rettangolare che si deve tagliare in tanti cubetti,che poi si mettono in frigorifero.
Spezzatino di pesce spada si può fare col pesce surgelato, tagliato a cubetti abbastanza grossi. ne occorrono circa 800 grammi. Per prima cosa però va preparato il soffritto con aglio (uno spicchio va bene) e cipollotto. Mentre si fa rosolare un po' si infarinano leggermente i cubotti di pesce spada, facendo attenzione all'acqua che sprigiona il pesce surgelato. Facendo attenzione a non far bruciare la cipolla, si va ad aggiungere il pesce in padella e si fa rosolare il tutto dolcemente con un pizzico di sale. Si aggiungono anche due o tre foglie d'alloro e un po' di pepe. Quando il pese si presenta ormai ben rosolato, si fa ad aggiungere un bicchiere di vino. La cottura deve durare circa 10 minuti e il vino in questo modo evapora bene. Quando è pronto lo si sente anche dall'odore. Il tutto si serve poi all'interno di un grande piatto da portata.
Per il cocktail che deve andare ad accompagnare questa cena del sabato sera, c'è la Tequila Sunrise, che dal colore ricorda proprio le tonalità dell'alba.
Il Polpo in polpetta sono delle polpette fatte con il polpo. Si parte con un polpo già lessato con il sedano e la carota e la cipolla, come se fosse un brodino, per dargli un po' di sapore in più. Lo si taglia e si può anche tritare, l'importante è che i pezzi siano grossolani. Si prendono anche due o tre fette di pane ed un goccio di latte da mettere in una ciotola per creare una pappetta che servirà da collante per il polpo. Si impasta dunque il tutto, mentre si va a scaldare l'olio in padella. Una volta amalgamato un po' si aggiunge anche l'uovo che rende il tutto ancora più morbido e del pecorino. Si può aggiungere anche un po' di sale, ma sempre andandoci cauti. Le polpette si possono poggiare in un piatto, poi si frigge.
Qualche consiglio finale di Benedetta: se la pasta frolla si sbriciola durante la lavorazione si può aggiungere un po' di acqua fredda o mezzo albume per renderla di nuovo elastica. Per rendere le patatine fritte più croccanti si può fare una prima frittura, scolare le patate, metterle in frigo e poi friggerle di nuovo prima di servirle ai propri ospiti. Guarda il video



© Riproduzione Riservata.