BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

COSTA CONCORDIA/ Pomeriggio 5: parla Elio Vincenzi, marito di una vittima. In studio c’è Mastella

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Nella seconda parte di Pomeriggio cinque, continuando con la cronaca e l'attualità, si è parlato in maniera approfondita di Costa Concordia, con le ultime novità sul processo. Si parte con un servizio che intervista gli abitanti dell'isola del Giglio: oramai si sono abituati alla vista del "gigante" riversato su di un fianco. Molti oggetti, col tempo, vengono a galla, e le immagini indugiano su ogni genere di suppellettile che il mare porta lontano dalla nave. I sommozzatori recuperano anche quelli più pesanti, caduti sul fondo. Qualche abitante recupera quelli che arrivano a riva. In studio c'è Elio Vincenzi, marito di Mariagrazia Trecarichi, ancora dispersa nella nave: tra alcuni degli ultimi corpi irriconoscibili per via degli effetti del tempo, si sta realizzando l'analisi del Dna al fine di scoprire se la vittima è tra le persone rinvenute. Da Roma, è in collegamento il giudice Clemente Mastella(deputato e giudice). Al signor Vincenzi arrivano molte lettere, e la conduttrice ne legge alcune. Tutte sono solidali con l'uomo, chiedendogli di andare avanti in nome della moglie. Pippo Lombardo, Amico di Elio e Mariagrazia che è stato chiamato al telefono in quei tragici ultimi minuti, ripercorre in un servizio l'accaduto. Mariagrazia era lì con la sua migliore amica, che ha chiamato al cellulare il signor Lombardo, dicendo di dover chiudere per continuare le operazioni di salvataggio che, per un mistero da chiarire, non sono andate a buon fine. Poi, in studio, Elio ricorda la moglie, mentre in video vengono mandate le immagini del suo matrimonio. Le parole commosse dell'uomo sono affettuose. E le immagini ripercorrono anche quei momenti. Poi, l'uomo ricorda i giorni della partenza, con la sua migliore amica, per poter staccare da un periodo faticoso. Tra i rimpianti dell'uomo, oltre alla tragica fatalità, ce n'è un altro: "avevo fatto lei una promessa, che era quella di andare a trovare i suoi parenti in Australia. Non l'ho potuta realizzare". A quanto pare, non era la prima delle crociere a cui la donna partecipava, e da un'ultima notizia: "ho saputo da poco che lei non è neanche tra i due corpi recuperati. Per me è una cosa importante, devono trovarla perché voglio un posto in cui starle vicina". Barbara mostra un servizio che parla della rimozione del relitto: un comitato nato apposta si esprime a favore della manovra, auspicata al più presto. Ma adesso, l'isola sembra spaccata, sintomo del fatto che il turismo, dopo tale momento, non solo non è calato, ma è cresciuto. Mastella, dopo essersi complimentato con il signor Vincenzi per la sua compostezza, dispensa parole di conforto". Poi, parla delle questioni giudiziarie, auspicando che nulla lo intralci. Elio vincenzi si pronuncia sul servizio: "di Schettino ce ne sono due: uno antecedente a quel Venerdì, e uno conseguente. E quello dopo il fatto, ancora non riesco a comprenderlo razionalmente. Ma non voglio smontare nessuno, ci ha già pensato Dominicka a scavargli la fossa con le sue dichiarazioni".



  PAG. SUCC. >