BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

I MENU' DI BENEDETTA/ Ricette per il pranzo di Pasqua 2012: uova ripiene, lasagne ai carciofi e pastiera napoletana. Preparazione e video

Pubblicazione:

Benedetta Parodi  Benedetta Parodi

Menù di Benedetta preparazione e video – In questa puntata de I Menù di Benedetta, la conduttrice propone le ricette per un perfetto pranzo di Pasqua. Eco quindi che Benedetta Parodi si accingerà a preparare delle uova ripiene, le lasagne ai carciofi e bis di costolette con patate. Poi, assieme ai campioni italiani di pasticceria, realizza una pastiera napoletana. L'apericetta saranno invece degli involtini di salsiccia e peperoni.

Uova ripiene - Benedetta sguscia 5 uova sode e le taglia in due, ponendo però i tuorli nel mixer, assieme a una cucchiaiata di pasta d'acciughe, un ciuffo di prezzemolo e mezzo bicchiere d'olio. Frulla quindi il tutto ad ottenere una consistenza cremosa con cui riempirà l'incavo lasciato libero dall'esportazione dei tuorli alle uova lesse. Dopo aver riempito tutte le uova, la conduttrice le pone in frigo per alcuni minuti per solidificare il ripieno, e impiatta, guarnendo con due pomodorini e alcune foglie di prezzemolo.

Pastiera napoletana - Cominciando con la sfoglia, in una ciotola, la conduttrice e gli ospiti uniscono 200g di burro, 200g di zucchero e semi vaniglia lavorando il tutto con un mestolo di legno. Intanto, sbattono due uova e le uniscono al composto che stanno mescolando aggiungendo un pizzico di sale. Miscelando a parte 500g di farina e lievito in polvere con una frusta, gli ospiti uniscono tutto al composto, lavorandolo con le mani. Come spiegano, la lievitazione ideale della pastafrolla è di 8-10 ore. Quindi, togliendola un paio d'ore prima dal frigo per renderla lavorabile, i due spiegano che si può passare alla fase successiva: quella cioè di stenderla con un mattarello per uno spessore di circa un centimetro. Imburrando poi una pentola, i due sagomano la pastafrolla e la puntellano con una forchetta. A parte poi, in una ciotola, i pasticceri uniscono 200g di grano setacciato, 200 di ricotta, canditi o gocce di cioccolato, 200g di zucchero e dei semi di vaniglia, mescolando poco per volta durante l'aggiunta degli ingredienti. Al ripieno aggiungono anche un uovo assieme a un concentrato di fiori d'arancio(preferibilmente l'essenza, ma in sole 2 o 3 gocce). Poi, i due lo versano nella base pastafrolla e vanno a ricoprire il tutto con delle striscioline dello stesso materiale messe da parte precedentemente. La cottura, in forno, è di 170 gradi per circa un'ora. La decorazione classica è con zucchero al velo, sagomato però, in onore della trasmissione, con il suo titolo.




  PAG. SUCC. >