BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CHIRURGIA ESTETICA/ Il dibattito a Pomeriggio 5: gli interventi low cost all'estero sono affidabili?

Pubblicazione:

Foto: Fotolia  Foto: Fotolia

La D'Urso, ragionando con la ragazza, spiega che forse sarebbe auspicabile un sussidio in Italia, per evitare questo esodo. La ragazza parla di cifre: effettivamente si parla di 20000 euro contro poco più di 2000. La scelta non è paragonabile, e Gasperoni si esprime: "Quando è per necessita, a volte anche nella chirurgia estetica si potrebbe chiudere un occhio". Giungono ancora notizie dal blog: un ascoltatore ci tiene a testimoniare che ha subito grossi problemi di infezioni legate a una cattiva sterilizzazione degli strumenti. Vuole che si faccia passare il messaggio che bassi costi non significano per forza qualità. Il tema della chirurgia estetica, nel servizio a seguire, viene affrontato più in generale: si chiede al pubblico in quanti sarebbero disposti a fare sacrifici economici per un intervento di questo tipo. Pochi ritengono indispensabile fare rinunce sulle cose essenziali: diverso sarebbe mettere da parte soldi per viaggi o oggetti inutili. Da un blog giungono poi altre notizie: c'è chi in Italia si è operato con successo, così come testimonia una ragazza che vuole rimanere anonima. Come racconta la testimone, qualche anno fa si è modificata le dimensioni del seno, ottenendo dei risultati a suo dire stupendi. E nella conclusione della mail, la testimonianza dichiara di non aver mai azzardato a operarsi in un paese che non conosce, preferendo l'affidabilità del proprio Paese. 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.