BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

QUELLO CHE (NON) HO/ Ultima puntata: le "parole" conclusive di Fazio, Saviano e Littizzetto (video). 16 maggio 2012

Pubblicazione:

Foto: InfoPhoto  Foto: InfoPhoto

Quello che (non) ho, riassunto ultima puntata (video) – E’ andata in onda ieri sera la terza e ultima puntata di “Quello che (non) ho”, programma ideato e condotto da Fabio Fazio e Roberto Saviano, in diretta dalle Officine Grandi Riparazioni di Torino. Il programma, che ha fatto registrare ottimi ascolti anche nelle puntate precedenti, ha come sempre ospitato diversi personaggi: l’ultima puntata comincia con le parole di Pierpaolo Pasolini, che in un’intervista di oltre 35 anni fa esegue un’analisi accuratissima della società consumista italiana. Si continua con la musica di Fabrizio De Andrè: Claudio Santamaria canta il pezzo che dà il titolo al programma e fa da sigla di apertura. Dopo l’intervento dell’attore, subito il primo monologo di Saviano, sul dramma dell’Eternit. Il primo intermezzo musicale è di Elisa che canta Halleluja di Leonard Cohen. Fazio la ringrazia per la sua presenza e introduce Claudio Magris, che per l’occasione porta un neologismo: centro metri. E’ poi il turno di Valerio Magrelli, che spiega la parola “poesia” citando Jakobson e Montale. Fazio interviene con le date della morte di Falcone e quella di Borsellino, 23/5/1992, 19/7/1992, introducendo così Saviano e il suo secondo intervento.  A seguire, Massimo Gramellini porta la parola di oggi, 16 maggio 2012, che è “paghetta”. Marco Paolini dedica la parola “treno” ai ferrovieri che stanno protestando da mesi a Milano contro il taglio dei convogli. Dopo Paolini c’è la coreografia sul linguaggio dei segni, e successivamente arriva Roberto Koch che racconta la “fotografia”. Dolcissimo intervento di Ermanno Olmi, che rapisce con il suo racconto del “tempo”. Dopo di lui, Elisa canta “Knockin’ on Heaven’s Door” di Bob Dylan. Dopo un’altra coreografia, va in scena il duello verbale tra Fazio e la Littizzetto a colpi di luoghi comuni. Enzo Bianchi ci racconta la parola “pane” e Massimo Bubola ci canta anche lui “Quello che non ho”. Prima dell’intervallo pubblicitario, Walter Siti con la parola “lusso” e Padre Moretti con la parola “Africa”. Elisa chiude con la cover di “Wonderful world” di Sam Cooke. Dopo la pubblicità, a concludere questa tre sere di “Quello che non ho”, l’ultima parola a Stefano Bartezzaghi: “zuzzurellone”, ultima parola del vocabolario, ed è proprio della lingua che parla Bartezzaghi, e di quanto sia sfuggente e complicata. Infine, ringraziamenti finali e chiusura, con Claudio Santamaria che nuovamente esegue una cover di Fabrizio De Andrè.



  PAG. SUCC. >