BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

WILD OLTRENATURA/ La storia di Jono e Bear Grylls al largo delle coste irlandesi. 1 maggio 2012

Pubblicazione:

Fiammetta Cicogna  Fiammetta Cicogna

Wild Oltrenatura, riassunto puntata 1 maggio 2012 – La puntata andata in onda ieri sera di Wild Oltrenatura ha proposto come sempre una serie di servizi incentrati sulla natura e sul mondo animale, ma non solo. Gli argomenti trattati sono diversi, dalla violenza degli squali, al coraggio di alcuni cacciatori rimasti intrappolati sulla neve. Incredibile è la storia di un paio di surfisti, uno dei quali è stato aggredito da due squali. Il ragazzo stava facendo surf nelle acque dell'Oceano del Sud Africa e all'improvviso si è ritrovato attaccato. Il fratello osservava la scena dalla riva, incredulo e preoccupato. Certo, nessuno avrebbe scommesso che dopo un attacco del genere il ragazzo potesse non solo salvarsi, ma addirittura riportare delle ferite davvero lievi ad una sola mano. Vediamo poi la storia vera di Jono, un ragazzo nato con una rarissima malattia che impedisce il formarsi delle ossa del volto. A causa del suo aspetto Jono è stato abbandonato fin dalla nascita dai suoi genitori, ma è stato fortunato nel trovare una madre adottiva che gli vuole molto bene. Ora Jono ha attirato l'attenzione dei giornalisti perché si è scoperto che al contrario di quanto tutti potessero pensare, anche lui ha una fidanzata, che si chiama Laura. Jono ormai ha imparato a convivere con la sua deformazione e cerca di compensare il problema al viso lavorando sul suo corpo e sulla cura dei capelli. Di certo Jono non vuole ricorrere alla chirurgia plastica. I suoi dubbi sono più che altro legati alla paternità, in quanto sa che la sua malattia molto probabilmente andrebbe a trasmettersi anche ai suoi figli. Jono inoltre ha un desiderio, quello di conoscere i suoi veri genitori, così cerca di contattarli tramite l'ufficio adozioni, ma dopo qualche giorno riceve la risposta che mai avrebbe voluto: i suoi genitori non sono interessati a conoscerlo e lo pregano di non insistere più. Jono così si rassegna, felice comunque di quanto è riuscito a conquistarsi da solo nella vita.
Ci si chiede poi quale sia l'animale che può riprodursi più di tutti. Di certo l'esempio che a tutti viene in mente immediatamente è quello del coniglio. La sua capacità riproduttiva è infatti elevatissima. Per rendersi conto, basta pensare che è come se l'uomo potesse avere dei figli ogni sei mesi e poi questi potessero averne a loro volta con altrettanta frequenza. Ma l'essere vivente che più si riproduce è senza dubbio la tenia, che occupa dunque il primo posto in questa speciale classifica. Come si può sopravvivere su un ghiaccio o in mezzo ad un deserto? I consigli possono essere tanti. Innanzitutto se non si ha più acqua a disposizione, bisogna ricordare che quella che si trova in natura va sempre filtrata prima di berla, in modo da togliere tutte le impurità. Si può creare un filtro anche utilizzando semplicemente delle magliette e un po' di sabbia, creando un treppiedi con quanto si può trovare a disposizione. Se ci si trova tra i ghiacci, invece, bisogna prima di tutto proteggersi dal freddo della notte e questo si può fare andando a rifugiarsi all'interno di una cavità, dove la temperatura è solitamente di una decina di gradi più alta rispetto all'esterno. Se invece ci si trova in mezzo ad un bosco, è opportuno trovarsi un rifugio per la notte, accendere un fuoco e fare in modo di non sdraiarsi direttamente sul terreno ma su una superficie isolante che si può creare anche con dei rami di alberi. In questo modo si può trattenere meglio il calore corporeo, impedendo che questo vada a disperdersi.



  PAG. SUCC. >