BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MENU’ DI BENEDETTA/ Per l’ultima puntata le ricette del risotto con i gamberi, lumache, strudel banane e cioccolato. Preparazione e video

Pubblicazione:

Benedetta Parodi  Benedetta Parodi

Menù di Bendetta ultima puntata: risotto con i gamberi, strudel banane e cioccolato. Preparazione e video - Per l’ultima puntata di questa stagione de I menù di Benedetta, Parodi propone il Menù per molti ma non per tutti. Ecco che in tavola arrivano le lumache, il risotto con i gamberi, la trippa al pomodoro, lo strudel alle banane e un pinzimonio con salsine per apericetta.
Trippa al pomodoro  - un piatto amatissimo da Benedetta che segue la ricetta della sua mamma. Facciamo cuocere la trippa già pulita ( più o meno 400 grammi) con un pò di acqua in padella, in modo che tolga ancora liquido o profumi troppo forti. Nel frattempo tagliamo le cipolle, le carote e il sedano per il soffritto. In una padella grande mettiamo l'olio e il trito per il soffritto. Mettiamo anche un paio di spicchi di aglio. A questo punto aggiungiamo anche la trippa. Uniamo anche mezza lattina di sugo di pomodoro, se invece preferiamo che sia più rossa ne mettiamo di più. Uniamo anche un cucchiaio di concentrato e dell'acqua. Saliamo e mettiamo poco peperoncino. Lasciamo andare a fuoco dolce, la trippa cuoce per almeno un'oretta. Se serve durante la cottura uniamo un pò di acqua. Per finire impiattiamo e spolverizziamo con il parmigiano.
Risotto con i gamberi e le creste di gallo. Il piatto è preparato con uno degli autori del programma, Paolo Quilici che ha portato anche un regalo a Benedetta, un quintale di zucchero a velo, visto che è uno degli ingredienti più usati dalla conduttrice. Per prima cosa si preparano proprio le creste di gallo in un soffritto di scalogno. Dovranno cuocere per una mezz'oretta fino a quando diventeranno di consistenza gelatinosa, nella pentola per il soffritto mettiamo anche un pò di burro. Sfumiamo con il vino e lasciamo cuocere. Dopo qualche minuto uniamo del dado e dell'acqua. Continuiamo con la pulizia dei gamberi. Facciamo rosolare con l'olio solo le teste dei gamberi e il carapace. Sfumiamo con il vino. Mettiamo anche dell'acqua con sedano, carota, cipolla e pomodori. Lasciamo andare fino a quando non ci sia il brodo che possiamo filtrare e utilizzare per il risotto. Prepariamo a questo punto il soffritto con olio e cipolla. Versiamo anche 250 grammi di riso. Sfumiamo con il vino bianco e continuiamo la cottura con il brodo di gamberi. Saliamo il riso. Finiamo di pulire i gamberi tagliandoli a metà per eliminare il budello ma soprattutto perchè si arricciano. Li mettiamo dentro al riso e mescoliamo per bene, sarà questione di un paio di minuti. Uniamo anche le creste. Non ci resta che impiattare, il risotto è pronto.
Lumache alla bourguignonne. Per prima cosa facciamo una cremina con gli odori e il latte, uniamo anche le acciughe e la menta. Benedetta usa quelle surgelate e le ha fatte cuocere con alloro, timo e bicarbonato. A parte invece ha comprato i gusci. La cremina verde la mescoliamo con il burro salato, 125 grammi. Prendiamo un guscio e dentro mettiamo la lumaca e poi mettiamo anche la cremina. Per avere l'effetto gratinato mettiamo il parmigiano e il pan grattato. Il segreto per la cottura: riempire una teglia di sale grosso e appoggiarle di sopra. Mettiamo in forno a 220° e togliamo dopo qualche minuto. Presentiamo le lumache sempre sul sale grosso in un piatto da portata.
Strudel alle banane e cioccolato. Iniziamo tagliando 3 banane a tocchetti e le mettiamo in una ciotola. Uniamo 2 cucchiai di zucchero di canna e se gradite anche una goccia di succo di limone. La granella viene fatte con le nocciole tostate in precedenza ( più o meno 40 grammi) che tritiamo insieme a 30 grammi di biscotti secchi. Srotoliamo la basta sfoglia. Mettiamo dentro la granella, il composto di banana e 50 grammi di cioccolato fondente. Lo chiudiamo per bene e mettiamo nella teglia prima si informare. In superficie mettiamo del latte o dell'uovo per far attaccare la granella. Facciamo dei taglietti e informiamo per 20 minuti a 200 gradi. Il dolce è pronto possiamo servirlo intero oppure affettarlo.



  PAG. SUCC. >