BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

STRAGE DI CAPACI/ A Pomeriggio 5 le testimonianze e i ricordi di Tina Montinaro e Salvo Sottile

Pubblicazione:

Foto: InfoPhoto  Foto: InfoPhoto

C'era solo una giovane funzionaria che attingeva anche lei le notizie dai mezzi di informazione, perciò a quel punto Tina venne accompagnata da un ispettore di polizia in ospedale. Caso volle che il poliziotto sbagliasse nosocomio e solo in un secondo tempo raggiunsero la camera mortuaria dove si trovavano i corpi del marito e degli altri uomini della scorta. Non le fu permesso vedere il marito, un collega le disse che aveva proceduto a lui al riconoscimento grazie a un brandello di quel vestito grigio-verde indossato al mattino da Antonio. Tina ebbe la consapevolezza che fosse veramente lui solo quando poté scorgere nella bara una mano con le unghie rosicchiate e l'indice e il medio incrociati, il gesto di scaramanzia che faceva Antonio per tutto il tempo in cui scortava il giudice. Dopo questo suo toccante racconto la signora Montinaro si mostra piuttosto amareggiata perché proprio oggi, vicino alla stele che ricorda la strage, è stato posto ciò che rimane dell'auto sulla quale viaggiava la scorta e, a parte i colleghi e molta gente comune, nessuna autorità si è recata sul posto. Il Presidente del Consiglio si è fermato solo pochi minuti senza prendere visione dei rottami dell'auto e invece per Tina è proprio quella la cosa più importante, perché solo vedendo quelle lamiere accartocciate ci si può rendere conto di ciò che è stato di quegli uomini. E' molto toccante anche la testimonianza di Salvo Sottile che, allora diciannovenne, si era recato a Capaci sull'autostrada dopo che gli avevano riferito che c'era stata un'esplosione, probabilmente al vicino cementificio. Quando giunse sul posto rimase senza parole perché nessuno si sarebbe mai aspettato una tale distruzione: 300 metri di autostrada completamente spariti: "sembrava Beirut", è l'unico paragone che ancora oggi Sottile riesce a fare. 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.