BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NERO WOLFE/ Ultima puntata: l'amore perduto e la figlia ritrovata. 24 maggio 2012

Pubblicazione:

Nero Wolfe e Archie Goodwin  Nero Wolfe e Archie Goodwin

Nero Wolfe, riassunto ultima puntata. 24 maggio 2012 – E’ andata in scena ieri sera l’ultimo atteso episodio della fiction "Nero Wolfe", intitolato "Coppia di spade". Il conclusivo appuntamento con l’investigatore fino ad oggi molto apprezzato dal pubblico italiano prende il via in un circolo di scherma della Roma del 1960. Nel corso di alcuni allenamenti delle urla interrompono il rumore dell'incrocio di spade: una socia del circolo, la signora Falchi, ha subìto il furto di una preziosa parure di diamanti che aveva riposto nell’armadietto dello spogliatoio. La donna accusa subito Neya, una delle istruttrici, ma Ludlov, un russo frequentatore abituale del luogo, la scagiona fornendole un alibi. La derubata decide di soprassedere fino alla sera seguente, annunciando che chiamerà la polizia solo se i preziosi non ricompariranno. A casa di Nero Wolfe si presenta Carla, altra maestra di scherma del rinomato circolo Prestige, per affidargli l’incarico di provare l'innocenza di sua cugina Neya. La giovane dice di essere jugoslava e di essere fuggita insieme alla parente approfittando del fatto che la squadra olimpica di cui facevano parte si trovava all'estero. Mentre la ragazza attende però nello studio di Wolfe (con l’investigatore che intanto la osserva dallo spioncino nascosto sulla parete) nasconde qualcosa all'interno di un libro. Wolfe entra dunque nella stanza e indispettito la caccia in malo modo. In seguito rivela a Goodwin che l'accento della giovane donna l'ha turbato perché è lo stesso che aveva Anna, una serbo-croata della quale si era perdutamente innamorato nel 1938. Non si dispiace comunque di aver rifiutato il caso, convinto del fatto che Carla tornerà, soprattutto dopo aver nascosto qualcosa in casa sua, che poi si rivela essere un microfilm contenente un codice. Infatti il giorno seguente si presentano a casa di Wolfe le due cugine, e Neya a sorpresa rivela di essere la figlie dell’investigatore che, dopo aver visto una vecchia foto della donna amata, si convince. Wolfe si rifiuta però di riconsegnare loro la preziosa pellicola perché sa che il suo possesso è estremamente pericoloso: servizi segreti americani e russi sono infatti interessati a tutto ciò che riguarda la Jugoslavia, unico paese europeo non schierato. Come è ovvio, nell'apprendere dell'esistenza di una figlia della quale era all'oscuro, il freddo investigatore rimane turbato, perciò ritiene che sia importantissimo proteggere le due ragazze: incarica dunque Lanzetta di sorvegliare la loro casa, mentre invia Archie al circolo di scherma per interrogare testimoni e protagonisti del furto. Dopo aver avuto un colloquio con la signora Falchi, viene ritrovato un cadavere in una delle sale di allenamento. Il morto è il professor Ludlov, il russo che stava seguendo una lezione di Neya, trafitto da una sciabolata dopo che all'arma è stato applicato uno speciale attrezzo, il col de mort, che rende mortale i fendenti. Neya ritrova nel suo accappatoio il misterioso accessorio insanguinato e lo consegna a Goodwin che si premura di consegnarlo al suo capo prima che lo trovi la polizia. Wolfe in tutta fretta nasconde l'arma del delitto in un dolce, il panperduto al cioccolato, proprio qualche minuto prima che giunga il commissario Graziani con i suoi uomini. Da lui l'investigatore apprende che i gioielli erano stati rubati proprio dal morto che li portava ancora addosso, ma è chiaro che i questi dovevano essere solo una merce di scambio per ottenere il microfilm. 



  PAG. SUCC. >