BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CHI L'HA VISTO?/ Le vittime del terremoto in Emilia, scomparso il piccolo James, il caso di Elena Vergani

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

A Chi l'ha visto? si parla di un caso del 1997: la taxista Alessandra, di 29 anni è stata trovata morta strangolata con uno spago e con le mani legate e che ancora oggi non sono stati scoperti gli o l'assassino: Alessandra era una ragazza a volte ingenua, a detta dello zio Onorio, che aveva trovato un impiego come centralinista di una compagnia di taxi, e che utilizzava il mezzo dello zio quando questo finiva il suo turno o quando lo stesso era di riposo. Sposata, divorziata e con un nuovo compagno, il taxista Stefano, la sera dell'otto agosto, dopo essere tornata a casa e cenato, alle 21 sale a bordo del taxi dello zio, il Siena 22, e dopo aver portato alcuni passeggeri a destinazione, tra cui due militare e una famiglia inglese, alle 23 e 25 inserisce la tariffa dei viaggi fuori città e si reca a Querciegrossa: da quel momento non si hanno più sue notizie, anche perché la ragazza aveva il cellulare rotto. L'indomani mattina, un ex dipendente delle ferrovie trova, in una discarica vicino un cimitero, un taxi con una persona apparentemente addormentata: spinto dalla curiosità, si avvicina e nota che la ragazza non dorme, ma che è morta e con le mani legate dietro al sedile da uno spago, che poi si scoprirà essere della vittima stessa, utilizzato più volte per poter legare alcuni pacchetti. La ragazza era stata avvistata intorno all'una del mattino girare all'interno del paese a bordo del taxi, assieme a due uomini con capelli scuri e corti: secondo gli inquirenti, la pista della rapina finita male è da scartare, poiché potrebbe essere che la ragazza abbia visto o sentito un qualcosa di grave che appunto non doveva sentire. Infine, si parla di un caso di pedofilia avvenuto in un asilo a luglio del 2006, e che coinvolse tre maestre, il marito di una di esse e produttore televisivo, una bidella ed un benzinaio, denunciati per sesso di gruppo, abusi su minore, atti osceni e maltrattamenti: i genitori s'insospettirono di questi comportamenti quando i bambini avevano degli atteggiamenti diversi, ovvero timidi ed impauriti.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.