BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NERO WOLFE/ La morte dello scacchista e Nanni alla ricerca del curry perfetto. 3 maggio 2012

Pubblicazione:

Nero Wolfe e Archie Goodwin  Nero Wolfe e Archie Goodwin

Lo scopo era quello di farlo addormentare attraverso un sonnifero in maniera tale che non avrebbe vinto la partita con la conseguenza che sua figlia sarebbe rimasta in Italia. Matteo, però, resosi conto che Valerian presentava dei problemi, si è immediatamente rivolto al dottor Malaspina che vanamente gli ha somministrato l’antidoto. Matteo, inoltre aggiunge che aveva fatto analizzare da Guastalla la capsula dov’era contenuto il sonnifero per vedere se eventualmente fosse stata sostituita con un’altra contenente veleno ma i risultati avevano confermato trattarsi di innocuo sonnifero. Purtroppo però i risultati erano in possesso di Guastalla che evidentemente era stato ucciso affinché non li potesse rendere di dominio pubblico. Nero Wolfe avendo acquisito queste nuove informazioni rileva a Goodwin di aver capito chi sia l’assassinio ma non avendo prove concrete per poterlo incastrare escogita uno stratagemma. Invita il commissario Graziani, Rossana Ferri, Esther Ferri accompagnata dal dottor Malaspina, la giornalista Rosa Petrini e i propri aiutati Goodwin e Spartaco ad una riunione nel proprio studio in cui a sorpresa finge di litigare con Goodwin annunciando l’intenzione per la prima volta nella propria vita di voler abbandonare il caso. Inoltre Goodwin viene licenziato da Wolfe a seguito della lite per via di una mancata sorveglianza di un edificio durante la quale avrebbe senz’altro beccato l’assassino. Nelle ore seguenti Goodwin telefona al dottor Malaspina confessandogli di averlo visto entrare in quell’edificio e gli chiede 100 milioni di lire per tenere la propria bocca cucita. Il dottore abbocca alla trappola preparatagli da Wolfe e si reca nella stanza di albergo indicatagli nel frattempo riempita di cimici collegate alla stanza adiacente dove Wolfe insieme al commissario Graziani registrano la confessione del dottore. Malaspina ammette di essere innamorato perso di Esther Ferri e di aver ucciso Valerian affinché la colpa fosse addossata a Matteo ed inoltre di aver fatto fuori l’avvocato Guastalla perché aveva scoperto tutto grazie a quelle analisi. Malaspina un po’ affannato e assetato, inizia a bere un po’ dell’acqua presente in camera e stranamente decide di offrirne anche a Goodwin. Wolfe avverte il pericolo e si precipita nella camera impedendo all’ultimo secondo a Goldwin di berla. Wolfe gli ha salvato la vita in quanto Malaspina l’aveva avvelenata con l’arsenico presente nell’anello che porta nella mano sinistra. Anche questa volta il caso è stato egregiamente risolto da Nero Wolfe.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.