BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

REPORT/ Il "Monte dei fiaschi" e la Siena del groviglio armonioso (video). 6 maggio 2012

Pubblicazione:

Foto: InfoPhoto  Foto: InfoPhoto

Report riassunto puntata 6 maggio 2012 – Nella puntata andata in onda ieri sera di Report si è continuato a parlare di crisi economica, ma da diversi punti di vista: innanzitutto quello delle aziende e dei lavoratori, sempre più in difficili situazioni, ma in questa puntata l'attenzione è stata in particolare rivolta agli Istituti bancari Italiani. Com'è la situazione delle nostre banche? L'inchiesta di Paolo Mondani prende in esame i conti dei maggiori istituti di credito, e in particolare su Monte Paschi di Siena, esistente dal lontano 1472. Nel secondo servizio, Laura Chianca va ad occuparsi del settore inerente alla produzione lattiera italiana: come mai esistono dati relativi alla produzione di latte riferiti ad allevamenti inesistenti? La conduttrice presenta infine l'inchiesta di Antonino Monteleone : in Italia, attorno alle 170 località termali, si muove un business di parecchi miliardi di euro. Ma in questo quadro, qual è la posizione di ogni ente locale? Sono infatti spesso i privati ad ottenere enormi profitti sfruttando la risorsa pubblica. Il primo servizio si apre sulla città di Siena, una città che riesce ad essere il simbolo dei vizi ma anche delle virtù del Paese: è ricca di storia, con ottima cucina, turismo, aria salubre, ma anche tanti debiti, troppi: quelli della Banca Monte Paschi, gruppo bancario al terzo posto in Italia. Debiti che sono il risultato di una classe dirigente tragicamente inadeguata per non aver tenuto in nessun modo conto dei segni dell'arrivo della crisi. I Palazzi a cui è affidata la gestione della Banca sono tre: il Palazzo Comunale, ubicato in piazza del Campo, il Palazzo Salimbeni, che è la sede della Banca, il Palazzo Sansedoni, in cui si trova la Fondazione posta al controllo dell'Istituto bancario. Il patrimonio di questo Istituto Bancario è stato talmente dilapidato da essere finito fortemente in passivo nell'ultimo decennio di attività. Le interviste di Mondani ad alcuni cittadini mettono chiaramente in rilievo che il Monte dei Paschi, fondato nel 1472, è del tutto controllato dai forti poteri dei partiti, ma è allo stesso tempo nelle mani della massoneria e dell'economia, un insieme che in città viene definito “il groviglio armonioso”: un sistema che tiene in pugno la città, tra i vari interessi pubblici e privati. Nel bilancio del 2011 è stata registrata una perdita di ben 8,4 miliardi di euro, mentre all'Università è presente un debito pari a 200 milioni, ed è in corso un'inchiesta che vede coinvolti due rettori. La trasmissione continua spostandosi in Trentino, dove esiste un allevamento di Yak, una mucca tibetana: i dati relativi alla produzione di latte di queste mucche sono stranamente finiti nelle Banche Dati del latte italiano, ma queste mucche non hanno nulla a che vedere con quelle italiane. Nella sua inchiesta, Laura Chianca cerca di capire il motivo di tutto ciò, andando ad occuparsi del settore inerente alla produzione lattiera e informa che in seguito alle indagini compiute dai Carabinieri, si è potuto scoprire in quale modo gli Enti (tra i principali l'Agea: Agenzia erogazioni agricole), che hanno il compito di gestire i controlli sulla produzione di latte, hanno dichiarato dati discordanti sulla quantità di mucche presenti in Italia e in conseguenza, sulla quantità di produzione di latte. Un argomento scottante, considerando che per diversi anni, secondo le dichiarazioni dei produttori italiani, venivano sforate le quote decise dall’Unione Europea, scatenando una grande battaglia politica. Ma un importante quesito è il seguente: in che modo e da chi, sono stati gestiti fino ad ora i circa sette miliardi di euro di contributi, versati negli ultimi anni in favore dell'agricoltura? Purtroppo esistono aziende agricole fantasma, che risultano produrre latte mentre non è affatto così: non esistono mucche ma allo stesso tempo esiste una produzione di latte: questo significa che da qualche parte i conti non tornano e Milena Gabanelli si rivolge a Mario Monti, sperando che egli trovi il tempo ed il modo di occuparsi di questa ingarbugliata faccenda. 



  PAG. SUCC. >