BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FILM IN USCITA/ Nelle sale Il dittatore, La mia vita è uno zoo, W.E.-Edward e Wallis, 7 days in Avana, Heart of Fire

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto: Fotolia  Foto: Fotolia

Film in uscita questa settimana, dall'8 al 15 giugno 2012 - Ecco i film in uscita nelle sale cinematografiche questa settimana, cominciando dall'8 giugno 2012: come di consueto il venerdì è dedicato all’arrivo delle nuove pellicole e in questo caso si potrà scegliere tra tre diversi titoli. W.E.-Edward e Wallis è il film diretto da Madonna: protagonista della storia è una donna americana che vive a New York, la giovane Wally che non ha di certo una vita felice come tutti credono. Certo è sposata e apparentemente è una donna da invidiare, ma in realtà per lei la realtà quotidiana non è fatta di felicità. Wally inizia a frequentare una mostra di oggetti che sono appartenuti alla duchessa e al duca di Windsor e scopre di essere molto affascinata da quella che è stata la loro storia. Dal 2008, anno in cui la storia è ambientata, si passa tramite flash back agli anni ’30 per ripercorrere le vicende di Re Edward che decise di lasciare tutto pur di vivere la sua storia d’amore con la bella Wallis Simpson che non apparteneva alla nobiltà. Era divorziata e in più anche americana. Wally si appassiona a questa storia d’amore e sogna di poter vivere anche lei una simile avventura romantica. Si lascia così travolgere dall’immaginazione e dai sogni. Il film è diretto da Madonna, tra i protagonisti segnaliamo Abbie Cornish, Andrea Riseborough, James D'Arcy, Oscar Isaac, James Fox. La pellicola è prodotta in Gran Bretagna. Un cast di grandi attori per il secondo film in uscita nelle sale l’8 giugno 2012. La mia vita è uno zoo è diretto da Cameron Crowe e tra i protagonisti ci sono Matt Damon, Scarlett Johansson, Thomas Haden Church, Patrick Fugit, Elle Fanning. Il protagonista di questa pellicola è lo scrittore Benjamin Mee che lavora per un quotidiano di Los Angeles. Benjamin non ha una vita facile: aveva costruito una famiglia con sua moglie che però è venuta a mancare lasciandolo vedovo e con due figli da crescere. Il giornalista deve quindi lottare con il difficile mestiere di essere padre e distribuirsi tra la casa, l’educazione dei bambini e il lavoro. Si rende però conto di non farcela anche perché c’è qualcosa che non va tra lui e i suoi ragazzi. Decide di comprare una casa con molto terreno intorno e di lasciare il suo lavoro di giornalista. Quando compra la casa gli viene quasi imposto anche una cosa alquanto bizzarra: una specie di zoo, il Rosemoor Animal Park. Lelly Foster è la responsabile di questo zoo e cura con amore e passione i tanti animali che vivono all’interno del terreno. Benjamin accetta e dopo aver chiesto ai suoi figli cosa ne pensino, decide di provare a riaprire lo zoo, aiutato anche dalla comunità locale che è molto affezionata agli animali. Siamo pronti a scommettere che tra il giornalista e Kelly nascerà anche una bella storia d’amore. Passiamo alla pellicola 7 days in Avana diretto da Laurent Cantet. Nel cast ecco comparire Benicio Del Toro, Julio Medem, Josh Hutcherson, Daniel Brühl, Emir Kusturica, Ana de Armas, Elia Suleiman. Siamo a Cuba: ecco una fotografia di quella che è la capitale nel 2011. Non è propriamente un film ma una sorta di documentario in cui in ognuno dei 7 capitoli viene raccontata l’Havana. I sette registi chiamati a farci innamorare della capitale cubana sono: Benicio Del Toro, Pablo Trapero, Laurent Cantet, Elia Suleiman, Juan Carlos Tabi´o, Gaspar Noe´ e Julio Medem. Ogni capitolo è indipendente dall’altro anche se ritornano dei personaggi comuni. L’intento è quello di raccontare, secondo la sensibilità diversa dei protagonisti, quello che oggi è una città in grande evoluzione che però è nettamente influenzata da quello che è stato il passato. La storia di una dittatura non può non aver contribuito a dare una identità ben precisa a l’Havana che viene mostrata nei suoi angolini più tipici, nei posti famosi in tutto il mondo e anche tramite gli occhi di chi realmente ha vissuto in questa città.



  PAG. SUCC. >