BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

QUARTO GRADO/ Melania Rea: dubbi sull’ora della morte. E Ludovica Perrone, l’amante di Salvatore Parolisi è “sparita”

Pubblicazione:

Melania Rea con la famiglia  Melania Rea con la famiglia

Il terzo caso approfondito nel corso della puntata di Quarto Grado, la scomparsa di Paola Landini, 44 anni di Sassuolo, avvenuta il 15 maggio. La donna convive con Roberto Brogli che è stato l’ultimo a sentirla quella mattina intorno alle 11,30 per delle spiegazioni atte a far capire dove si trovasse un’agenzia interinale. Da quel momento di Paola si perdono le tracce. Tuttavia viene ritrovata la sua auto davanti al poligono di tiro dove era solita andare ad esercitarsi visto che è un amante della caccia. Ci sono molti aspetti da chiarire nella vicenda e soprattutto perché Paola abbia preso le due pistole del compagno, l’esistenza di un cellulare di cui Roberto non sapeva niente e circa 50 mila euro di debiti anche questi contratti all’insaputa del compagno. Inoltre, in passato Paola ha avuto una storia finita con la denuncia dell’allora partner per stalking. Infine, vengono presentate degli aggiornamenti per quanto riguarda l’omicidio di Yara Gambirasio ed in particolare è stata trovata una pista da seguire grazie al fatto che l’assassino nel tentativo di strapparle gli slip con un taglierino si è tagliato lasciando tracce di sangue su di essi. Da ciò risalendo al dna si è scoperto essere compatibile con una persona morta 13 anni fa che a questo punto potrebbe essere il padre dell’assassino. Per avere la sicurezza occorre far riesumare il suo corpo questo perché pare che il possibile figlio assassino sia un figlio avuto in maniera non legittima ed ossia da una relazione extraconiugale. In coda alla puntata gli aggiornamenti sulla scomparsa di Roberta Ragusa. Continuano le ricerche, ma senza esito. Intanto i figli della donna stanno cercando di tornare a una “normalità” difficile da ottenere visto il dramma della scomparsa della madre.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.