BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cinema, Televisione e Media

VERONICA PANARELLO / News, Lorys Stival: nuove accuse al suocero per evitare l’ergastolo? (Quarto Grado, oggi 30 settembre 2016)

Veronica Panarello: in questi giorni la donna, accusata dell'omicidio del figlio Loris Stival, è stata di nuovo ascoltata dagli inquirenti. Ci sarà la svolta?News del 30 settembre 2016.

Loris StivalLoris Stival

Si ritorna a parlare di Veronica Panarello, dopo la scorsa udienza per l'omicidio del figlio Lorys Stival che si è tenuta il 26 settembre. Il caso sarà centrale nel corso della nuova puntata di oggi di Quarto Grado durante la quale si commenteranno le parole di Veronica Panarello che, come dalla stessa anticipato giorni prima dell'udienza al marito Davide Stival, è tornata ad accusare il suocero Andrea Stival, nonno del piccolo Lorys ed a sua detta l'unico vero assassino. Come riporta il sito Direttanews.it, all'uscita dall'aula, proprio il suocero ha voluto replicare: "Solo calunnie. Troppo fango. Io voglio solo pace, rispetto e giustizia per la famiglia e il mio nipotino". L'ipotesi che circolerebbe negli ultimi giorni, è che la donna e presunta assassina del figlio primogenito stia accusato il suocero al fine di evitare l'ergastolo. I giudici daranno ragione alla rinnovata versione della mamma di Santa Croce Camerina?

Dopo le ultime dichiarazioni rilasciate agli inquirenti da Veronica Panarello, in carcere con l'accusa di aver ucciso il figlio di 8 anni Lorys Stival, parla anche la sorella di Andrea Stival, suocero di Veronica. La donna ha confermato che sarebbe stato il suocero ad uccidere il bambino perché Lorys avrebbe scoperto la loro relazione clandestina. Ma Andrea Stival ha sempre respinto le accuse di aver ucciso il nipote e ha sempre sostenuto di non aver avuto alcuna relazione con la nuova Veronica Panarello. E a sostenere che Andrea Stival non ha ucciso Lorys è anche la sorella dell'uomo, Antonella. Come riporta Urban Post Antonella Stival, intervistata dalla trasmissione Mattino 5 nei giorni scorsi, ha dichiarato: “Ormai non so più a chi credere, credo solo ai miei sentimenti. L’ho visto passare poco fa, mentre si recava in tribunale: nei suoi occhi non ho visto un assassino. Credo che Veronica stia mentendo e non capisco perché”.

Un caso che dura da troppo tempo, una giustizia che fino ad adesso non è ancora arrivata: la morte del piccolo Loris Stival, per ora, rimane l'unica certezza. In carcere ancora la madre Veronica Panarello, che nei giorni scorsi è stata di nuovo ascoltata degli inquirenti. Non cambia di una virgola la  propria versione: la donna continua a ribadire che il vero assassino è il suocero Andrea Stival. Una dichiarazione già fatta in passato e che si è andata ad aggiugere alle molteplici versioni che la Panarello ha dato fin dall'inizio della tragedia. Dalla scomparsa, all'accusa verso terzi, dalla presunta incapacità di intendere e volere fino all'ultima verità. Un'altra bugia, secondo gli inquirenti, che non può non essere vista in un'ottica più ampia, fatta di confessioni non fatte e parole, troppe, dette nel momento sbagliato. Negli ultimi mesi gli inquirenti hanno indagato a lungo sulla figura di Andrea Stival, sui suoi spostamenti nel giorno del delitto e sulla sua presunta relazione con la Panarello. Questo l'elemento su cui fac leva maggiormente la donna, dipingendo il suocero come un orco che cercava anche le attenzioni del nipotino Loris. Questa sera, venerdì 30 settembre 2016, se ne parlerà anche a Quarto Grado, con un approfondimento al caso ed alle ultime dichiarazioni della donna. Una perizia non ha lasciato dubbi: Veronica Panarello è in grado di intendere e volere ed ha una personalità disturbata. Il suocero invece è stato scagionato dai sospetti. Qual è quindi la verità? Rimane da scoprire il movente, quella decisione che ha portato l'assassino di Loris Stival a volerne terminare la piccola e giovane vita. 

© Riproduzione Riservata.