BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cinema, Televisione e Media

LICIA COLO'/ Ironia sul caso Weinstein: 'A me non è mai capitato nulla, evidentemente sono respingente...'

Licia Colò, la presentatrice storica di 'Alle falde del Kilimangiaro' dice la sua sul caso delle molestie sessuali e racconta di quando Berlusconi la invitò ad Arcore.

Licia Colò (Facebook)Licia Colò (Facebook)

La conduttrice Licia Colò, sulle pagine de Il Fatto Quotidiano, ha dato un'immagine di sé molto diversa da quella che siamo abituati a vedere in televisione. Se l'ex conduttrice Rai appare sempre docile, sorridente e quasi angelica, dall'intervista appare invece una donna forte, cinica, quasi di pietra: l'esatto opposto di quella a cui siamo abituati. Lei stessa ha evidenziato qual è il suo peggior difetto: 'Senza ombra di dubbio l'ira. Se mi arrabbio è la fine del mondo e succede molto spesso'. Oltre a questa sua particolare caratteristica, Licia Colò ha dimostrato anche di essere piuttosto refrattaria alla fama e di puntare solamente al mero guadagno. A giudicarla dall'esterno non sembrerebbe, eppure la conduttrice di programmi per ambientalisti per eccellenza ha riferito: 'La fama è solo una gran rottura, odio essere riconociuta per strada. Quel che mi interessava, invece, erano i soldi a fine mese.' Soldi che nel corso della carriera la Colò ha senza ombra di dubbio accumulato visto il grande successo di programmi come 'Bim Bum Bam' (agli esordi, assieme a Paolo Bonolis) e 'Alle falde del Kilimangiaro'.

LICIA COLO' E IL CASO MOLESTIE

Le notizie di vere o presunte molestie sessuali sono ormai pane quotidiano per i giornali di tutto il mondo. Lo scandalo era partito qualche tempo fa con le denunce di Asia Argento al produttore hollywoodiano Harvey Weinstein, poi allargatosi a macchia d'olio. Il fenomeno ha toccato anche attori del calibro di Dustin Hoffmann e Kevin Spacey; quest'ultimo ha visto colossi come Netflix e Sony voltargli improvvisamente le spalle, causando il brusco declino della sua sfavillante carriera. In Italia le accuse di molestie si sono allargate ai registi Fausto Brizzi e Guseppe Tornatore. E per quanto riguarda Licia Colò? La presentatrice ammette: 'Le mie amiche andavano in autobus e venivano sistematicamente palpeggiate. Io mai, evidentemente sono respingente.' Ma c'è una piccola eccezione anche nella vita granitica di Licia Colò. E' lei stessa a raccontare: 'Una volta sola mi capitò, con un conduttore di Mediaset. Mi invitò nel suo studio e mi disse: "Qui parliamo di noi e ci chiediamo se ti piace fare l'amore." Io avevo 22 anni e gli dissi che non sapevo proprio come fosse visto che non l'avevo mai fatto. Naturalmente mentii, ma lui rimase pietrificato e non mi infastidì più'.

LA FESTA AD ARCORE

Anche Licia Colò, come tanti personaggi dello spettacolo, deve la sua fortuna al Cavaliere Silvio Berlusconi. Come già detto in precedenza, il suo esordio fu sulle reti Mediaset, in quel Bim Bum Bam che ebbe tanta, tanta fortuna. Licia Colò racconta quando venne invitata ad una festa ad Arcore, nel regno incontrastato di Silvio Berlusconi: 'Venni invitata ad una serata di gala ad Arcore ma ero imbarazzatissima. Non sapevo proprio che cosa indossare, non ero mai stata ad eventi del genere. Alla fine riciclai un vecchio vestito di mia nonna e mi presentai con quello.' Continua poi Licia Colò: 'Verso la fine della serata venni invitata per dire due parole sul palco. Non sapevo che dire e alla fine me ne uscì con un "Sono solo all'inizio, farò di tutto per migliorare." In sala ci fu il gelo assoluto, nessuno disse nulla . Poi Silvio Berlusconi iniziò ad applaudire e tutti gli andarono dietro.' Oggi Licia Colò non conduce più programmi per le reti della Rai ma si è sposata sulle televisioni locali: è la presentatrice di un format ambientalista per Tv 2000. La passione per la nostra terra, in fondo, non l'ha mai abbandonata.

© Riproduzione Riservata.