BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cinema, Televisione e Media

IN NOME DI MIO FIGLIO/ Su Rai 3 il film con Tobias Moretti. Trailer e diretta streaming (oggi, 18 giugno 2017)

In nome di mio figlio, il film in onda su Rai 3 oggi, domenica 18 giugno 2017. Nel cast: Tobias Moretti e Inka Friedrich, alla regia Damir Lukacevic. La trama del film nel dettaglio.

film prima seratafilm prima serata

La serata di Rai Tre ci offre la visione de Il nome di mio figlio film del 2015 diretto da Francesca Archibugi. Nel cast troviamo Alessandro Gassmann, Valeria Golino, Luigi Lo Cascio, Roco Papaleo e Micaela Ramazzotti tra gli altri. Torniamo a vedere sul piccolo schermo quindi un adattamento della piece La Premone di Alexandre de LA Patelliere e Mathieu Delaporte. Precedentemente anche in Francia era stato utilizzata questa per realizzare il film Cena tra amici che però si discosta dalla pellicola italiana per molti motivi. Tra le curiosità legate al film c'è anche la canzone di Lucio Dalla ''Telefonami tra vent'anni'' che segna il passaggio nella linea narrativa tra passato e presente. Dal trailer, clicca qui per guardarlo, possiamo evincere come nonostante il tono a volte ironico si parli anche di argomenti molto seri. Potremo seguire stasera su Rai Tre In nome di mio figlio e in diretta streaming, grazie a Rai Play, sarà disponibile sui nostri dispositivi mobili cliccando qui. (agg. di Matteo Fantozzi)

- In nome di mio figlio è il film che andrà in onda su Rai 3 oggi, domenica 18 giugno 2017. Si tratta di una prima visione tv assoluta di una pellicola realizzata in Germania nell’anno 2015 da Marco Del Bianco, Ulrich Stiehm e Rolf Wappenschmitt, per la regia di Damir Lukacevic il quale si è anche occupato della redazione del soggetto e della sceneggiatura. Le musiche della colonna sonora sono state composte da Ingo Frenzel, il montaggio è stato eseguito da Uta Schimdt, la fotografia è stata curata da Jorg Widmer mentre i costumi utilizzati nel corso delle riprese sono stati disegnati da Katrin Aschendorf. Il principale protagonista di questo film è l’attore e regista austriaco Tobias Moretti il cui vero nome di battezzo è Tobias Bloeb. Nato a Gries am Brenner nel luglio del 1959 ha deciso di prendere il cognome della madre, Moretti, che è di chiare origini italiane. Il suo esordio come attore di cinema e televisione si è consumato nell’anno 1986 recitando nel film televisivo Wilhelm Busch per poi occuparsi di diversi altri progetti tra cui spicca senza dubbio tra il 1994 ed il 1998 quello della fortunata serie de Il commissario Rex in cui ha interpretato Richard Moser. Nel 1999 ha preso parte al film tv Cristallo di rocca – Una storia di Natale e nella pellicola Ombre in cui ha recitato al fianco di Stefania Rocca. Tra i principali lavori che hanno caratterizzato ad oggi la sua carriera ricordiamo la mini sere Giulio Cesare, il film La libertà dell’aquila, Io Don Giovanni, Lo straniero della valle oscura – The Dark Valleu e Abel –Il figlio del vento.

, il film in onda su Rai 3 oggi, domenica 18 giugno 2017 alle ore 21.05. Una pellicola di genere drammatica realizzata in Germania nell’anno 2015 da Marco Del Bianco, Ulrich Stiehm e Rolf Wappenschmitt. Il titolo in lingua originale è Im Namen meines Sohnes e la regia è stata affidata a Damir Lukacevic il quale si è anche occupato della redazione del soggetto e della sceneggiatura mentre nel cast sono presenti Tobias Moretti, Inka Friedrich, Maxim Mehemet, Merlin Rose, Eugen Knecht e Mark Zwinz. Ma vediamo la trama del film nel dettaglio.

Claus (Tobias Moretti) è un uomo di mezza età che un giorno ha deciso di portare la propria amata famiglia a trascorrere del tempo a contatto con l’aria aperta e la natura. Nello specifico l’intera famiglia parte per un campeggio che non potrà mai immaginare diventare l’ossessione della propria esistenza. Infatti, dopo essere arrivati e messo in essere la propria tenda, il  figlio più grande scompare nella nulla. Claus inizia a cercarlo in ogni direzione e temendo al peggio avverte le forze dell’ordine. Purtroppo sarà tutto inutile in quanto a distanza di qualche ora il corpo del bambino verrà ritrovato privo di vita. Le indagini della polizia fanno emergere come il bambino sia stato vittima di un serial killer.

Da quel momento in poi Claus fa della ricerca spasmodica del killer la propria ossessione e unica ragione di vita. Un desiderio che mette in grande crisi sia il rapporto con la moglie e sia con il figlio più piccolo senza dimenticare le ripercussioni per quanto concerne il proprio lavoro fino ad arrivare al licenziamento. Su questo killer si è scoperto soltanto che da venti anni si sta macchiando di efferati omicidi sempre ai danni di bambini che si trovano in campeggio assieme alle proprie famiglie.

Inoltre, si è potuto scoprire che il killer colpisca ogni tre anni e puntualmente si aggira indossando una maschera. Claus segue costantemente le poche tracce di cui dispone ma tuttavia le sue personali indagini si dimostrano sempre dei buchi nell’acqua arrivando sempre ad intralciare le indagini della stessa polizia e portando ad accusare degli innocenti. La vicenda arriverà ad un punto di svolta quando Claus sembra sulla strada giusta ma la polizia si convince che sia proprio lui il killer in quanto in preda al dolore per la morte del figlio.

© Riproduzione Riservata.