BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

RIC E GIAN / Il ricordo del loro primo incontro" (Techetechetè)

Tra i protagonisti dell’appuntamento di questa sera della trasmissione Techetechetè in onda su Rai 1 vi è la storica coppia comica italiana Ric e Gian.

Ric e Gian, Techetechetè in onda su Rai 1 Ric e Gian, Techetechetè in onda su Rai 1

QUANDO NACQUE IL DUO 'RIC E GIAN'

Si parla di Ric e Gian questa sera a Techetechetè. Si torna a parlare del duo comico che oggi purtroppo non è più insieme. Gian è infatti venuto a mancare nel 2010, ma Riccarco Miniggio (questo il vero nome di Ric) ricorda con queste parole a Liberoquotidiano.it il loro primo incontro: «Ci conosciamo al teatro Maffei di Torino, nasce l’idea di fare uno spogliarello comico e ci mettiamo insieme con il nome Gerry e Fabio. Ci esibiamo e un impresario ci nota: “Vi interessa fare un provino al Crazy Horse di Parigi?”» - e continua ancora nel racconto - «L’audizione la gestisce direttamente Alain Bernardin, padre padrone del locale. Ci prendono e la paga è 13 mila lire a sera. Tra hotel, ristorante e soldi da mandare a casa però non ci resta molto in tasca e allora per risparmiare il costo del taxi ogni notte, finita l’esibizione, ci facciamo 12 km a piedi per tornare in albergo».

 "I COMICI DI OGGI? UNA DOMANDA FEROCE..."

In una recente intervista a Liberoquotidiano.it, Ric di Ric e Gian - il cui nome completo è Riccardo Miniggio, è tornato a parlare del suo compagno professionale, svelando i retroscena del loro rapporto. Ma Ric si è dilettato anche con altri argomenti, tra i quali la comicità dei giorni nostri. Quando gli è stato chiesto se ci siano oggi comici che lo colpiscano in tv, Miniggio ha dichiarato: «Più che scomoda, direi una domanda feroce... Il più bravo di tutti resta Verdone, che però non è più un ragazzino» - poi però ha aggiunto «Ale e Franz e Ficarra e Picone sono bravi, però bisogna vedere se arrivano alla pensione». Questa sera di Ric e della coppia amatissima che formava con Gian se ne parlerà nel corso della nuova puntata del programma Techetechetè. (Agg. Anna Montesano)

LA COPPIA COMICA PROTAGONISTA NEGLI ANNI SETTANTA

Nuovo appuntamento questa sera sulle frequenze di Rai 1 con la trasmissione amarcord Techetechetè. Una puntata nella quale si potranno apprezzare alcuni dei più divertenti sketch di una coppia comica che ha fatto la storia della televisione Ric e Gian. Riccardo Miniggio e Gian Fabio Bosco hanno dato vita al loro sodalizio artistico nel 1961 con la prima apparizione in tv che però è arrivata nell’anno 1967 nell’ambito della trasmissione Viva l’astrologo in onda sull’allora Primo canale. Nello stesso anno hanno preso parte al programma Chi ti ha dato la patente? per poi diventare molto famosi ed apprezzati dal pubblico grazie a trasmissioni che sono rimaste nella storia come Quelli della domenica, Senza rete, L’amico della notte e La domenica è un’altra cosa. Il duo si è diviso nell’anno 1987 per poi tornare insieme nel 2002 per altri cinque anni di collaborazione artistica. Tra l’altro nel 1967 sono stati protagonisti di un film western in salsa comica, Ric e Gian alla conquista del West.

RIC E GIAN: LA FINE DI UN RAPPORTO RACCONTATO DA RIC (TECHETECHETÈ, PUNTATA 18 LUGLIO 2017) 

Riccardo Miniggio nel corso di un’intervista rilasciata al quotidiano Libero, ha parlato della fine del suo rapporto professionale con Gian Fabio Bosco evidenziando come la rottura sia stata abbastanza netta. Ric nello specifico ha fatto presente: “Per dodici anni non ci siamo parlati, mi aveva fatto cose brutte forse condizionato dalla famiglia. Poi ci siamo rimessi insieme nel 2002 per lavorare a teatro e abbiamo fatto il tutto esaurito, ma i rapporti non erano più quelli di prima. Se mi manca? Mi manca professionalmente (Gian è morto nel 2010), il nostro era un marchio e lui è stato una parte della mia vita. Come persona no. Siamo sempre stati molto diversi: io nottambulo e lui mattiniero, io espansivo e lui chiuso. Per comunicarmi la frattura, ai tempi, mi lasciò un biglietto con scritto: 'Qui finisce il nostro rapporto professionale. E sparì”.

© Riproduzione Riservata.