BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Olfo Bosè e Rafael Amargo / Las Estrellas di Pechino Express 2017: un viaggio indimenticabile per un motivo

La coppia Las Estrellas composta da Olfo Bosè e Rafael Amargo, pronta ad affrontare l’intrigante avventura del reality Pechino Express 6  in onda su Rai 2.

Pechino Express 2017 Pechino Express 2017

Olfo Bosé, nipote di Miguel Bosé e Rafael Amargo, parente del poeta Federico García Lorca e grande ballerino di flamenco e danza contemporanea, compongono la coppia de "Las Estrellas", le stelle. Un viaggio quello a Pechino Express che li ha stupiti e regalato emozioni indimenticabili. Lo svelano nel corso di un'intervista a Tv Sorrisi e Canzoni, dove Bosè per primo racconta: «Per molto tempo sono stato un idealista, immaginavo la vita al posto di viverla. Adesso, al contrario, vivo il momento con illusione e voglia, andando oltre le mie stesse idee». Dal canto suo, Amargo invece dichiara: «Non mi aspettavo niente. Quello che più mi interessava del programma, dopo tutto lo stress per il lavoro che faccio (con la mia compagnia di ballo in giro per il mondo), era lasciare a casa il telefono». (Anna Montesano)

LA VIDEO INTERVISTA

Fra i tanti partecipanti che questa sera avranno la possibilità di sfidarsi nella gara di Pechino Express 2017 ci saranno anche Olfo Bosè e Miguel Amargo, che nel corso della sfida verranno definiti semplicemente Las Estrellas. I due protagonisti, a un passo dall'inizio della loro avventura, si sono confrontati in una breve intervista rilasciata al sito ufficiale della Rai, dove hanno svelato qualche piccolo dettaglio ancora poco noto al pubblico. "Lui è pazzo, lui è una pecora nera e anch'io" ha rivelato Olfo Bosè, il tutto mentre il suo compagno di viaggio, a rimo di musica, si è lasciato travolgere da un improbabile balletto. "La forza è che siamo grande e piccolo, piccolo e grande, bello e brutto... siamo l'antitesi", ha spiegato Miguel Amargo, rivelando a tutti i fan in ascolto il vero segreto del loro successo. Cosa dobbiamo aspettarci da questa coppia? Se vi siete persi il loro video di presentazione, potete visualizzarlo su Youtube cliccando qui. (Agg. di Fabiola Iuliano) 

OLFO AVVENTURIERO VERO

Sta per ripartire l’avvincente avvenuta di Pechino Express 6. In gara otto agguerrite coppie che promettono di dar vita ad una contesa quanto mai emozionante partendo da Taiwan per poi arrivare al Paese del Sol Levante, il Giappone. Tra le coppie, c’è molta curiosità ed interesse per scoprire quella de i Las Estrellas composta da Olfo Bosè, nipote del celebre cantante Miguel Bosè e Rafael Amargo ballerino di flamenco e parente del poeta Federico Garcia Lorca. Nell’intervista rilasciata alla rivista Tv Sorrisi e Canzoni, Olfo Bosè ha spiegato i motivi che lo hanno indotto a partecipare al programma enfatizzando aspettative e riscontri: “Per soddisfare una curiosità e perché me lo ha chiesto il mio amico Rafael. Le mie aspettative? Per molto tempo sono stato un idealista, immaginavo la vita al posto di viverla. Adesso, al contrario, vivo il momento con illusione e voglia, andando oltre le mie stesse idee. La rinuncia più grande che ho dovuto fare per il reality? Io sono un avventuriero, non conosco la parola “rinunciare”, perché tutto si può riprendere in mano”.

L’AMORE PER IL PUBBLICO ITALIANO

Anche Rafael Amargo ha rilasciato una piccola intervista alla storica rivista italiana nel corso della quale ha rimarcato l’amore per l’Italia e le proprie aspettative per questa appassionante avventura. Queste le parole del parente del poeta Lorca: “Perché volevo tornare a lavorare con la tv italiana. Qui mi conosceranno come sono veramente. 'Ballando con le Stelle' non era un reality e non potevo arrivare al cuore degli italiani. Io mi sento in sintonia con la gente. Vi adoro! Cosa mi aspetto? Non mi aspettavo niente. Quello che più mi interessava del programma, dopo tutto lo stress per il lavoro che faccio (con la mia compagnia di ballo in giro per il mondo), era lasciare a casa il telefono. La rinuncia più difficile? Io non ho vista come una fatica o una rinuncia, la fatica è avere 30 dipendenti e vedere come corrono i mesi e bisogna mantenerli, questa sì è fatica. Io mi sono sentito molto tranquillo e accudito, niente è impossibile se si fa con allegria e cuore”.

© Riproduzione Riservata.