BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cinema, Televisione e Media

Simona Ventura, ansia per figlio Niccolò Bettarini accoltellato/ Solidarietà social: da Noemi a Gemma Galgani

Simona Ventura in ansia per il figlio Niccolò Bettarini accoltellato a Milano: ultime notizie, "non rischia la vita" il primo commento di Super Simo. Rapporto strettissimo dopo separazione

Simona Ventura e il figlio Niccolò BettariniSimona Ventura e il figlio Niccolò Bettarini

La notizia dell'accoltellamento del figlio Niccolò Bettarini ha naturalmente gettato nello sconforto la mamma Simona Ventura che per ore è rimasta assente sui social salvo farvi ritorno per tranquillizzare sullo stato di salute del ragazzo. Solo in serata la conduttrice ha potuto tirare un sospiro di sollievo e ha voluto dedicare un nuovo messaggio social proprio a Niccolò ringraziando Dio per i miglioramenti repentini. Da quel momento è stata una pioggia di solidarietà e vicinanza da parte di molti colleghi ed amici. Ad esprimersi semplicemente cin una serie di cuori ed emoticon di mani giunte in segno di preghiera sono stati numerosi, da Caterina Balivo a Pamela Prati, Andrea Preti. Ed ancora, le cantanti Noemi e Giusy Ferreri così come Elisabetta Gregoraci e Luca Tommassini con il quale ha condiviso l'ultima esperienza nella trasmissione Amici di Maria De Filippi. Ed a proposito della De Filippi, ad esprimere la sua grande solidarietà è stata anche Gemma Galgani, protagonista indiscussa di Uomini e Donne, trono over, la quale ha commentato su Instagram: "Leggere queste righe non fa che rendermi felice, ti sono vicina a te e tutta la famiglia! Sarà tutto un migliorare, un abbraccio grandissimo! Forza Nic". Un messaggio "stellare" ma ricco di parole d'affetto anche quello dell'amica Valeria Marini: "Simo sono felice come tutti che Niccolò stia meglio, per fortuna! E tu sei sempre super". A questi nomi noti si sono poi aggiunti tutti coloro che, da semplici estimatori della conduttrice, hanno sentito di esprimere la loro vicinanza. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

COMMENTI CHOC SUI SOCIAL

È bastato poco ai leoni da tastiera per scatenarsi contro Simona Ventura. La conduttrice, in ansia per il figlio Niccolò Bettarini che è stato accoltellato all'alba in discoteca a Milano, è stata duramente attaccata sui social. Insieme alla valanga di messaggi di incoraggiamento ricevuti dai suoi follower, sono spuntati commenti a dir poco vergognosi di utenti che la accusano di pensare più ai social che alle sorti del figlio. Il motivo sarebbero le Instagram Stories pubblicate fino a poche ore fa, l'ultima mentre saliva a bordo di un aereo. «Fai la mamma che é meglio......non giocare alla ragazzina alla tua età». E poi: «A Me sa di bufala ...guardate la sua ultima story ... una mamma che sa che suo figlio è stato accoltellato si mostra mentre muove le gambe a tempo di musica ? Io non credo proprio». Una vergogna social. Proprio il viaggio e l'orario è il motivo per cui Simona Ventura non era a conoscenza di quanto successo al figlio. Intanto lei torna sui social per esprimere la felicità dopo aver appreso che suo figlio non è in pericolo di vita: «Dopo questa lunga, lunghissima giornata, posso dire che è andata bene. Stai migliorando, grazie a Dio... Sei stato coraggioso e ti voglio bene e anche di più @mr_bettarini». Qui la notizia sull'accoltellamento di Niccolò Bettarini a Milano (agg. di Silvana Palazzo) 

SIMONA VENTURA, ANSIA PER FIGLIO NICCOLÒ BETTARINI ACCOLTELLATO

Ore di ansia e di terrore dovrà avere passato Simona Ventura e anche l’ex marito Stefano Bettarini: quando le avranno detto che quel 19enne accoltellato a Milano a pochi passi dall’Old Fashion stamattina all’alba era proprio Niccolò, figlio prediletto e primogenito della coppia più mediatica degli anni Novanta-Duemila, non deve essere stato facile. Il trasporto al Niguarda, l’operazione e per fortuna l’uscita dal pericolo di vita come testimoniato dall’unico tweet di commento sulla vicenda tragica del centro di Milano: «volevo rassicurare tutti: mil figlio Niccolò non è in pericolo di vita». Poche parole, dirette, franche, che testimoniano tutta la preoccupazione per le ultime ore ma anche la felicità per quanto di brutto è passato e tenuto dietro le spalle. Il 19enne era con degli amici all’interno della discoteca quando sarebbe intervenuto per sedare una rissa sorta tra gente che lui non conosceva: in pochi secondi un ragazzo ha tirato fuori un punteruolo e a rimetterci più di tutti è stato proprio Niccolò che ha subito 9 coltellate alla parte alta del petto. Per fortuna, pare che le condizioni siano in miglioramento dopo l’operazione immediata all’ospedale Niguarda immaginiamo con al capezzale sia Super Simo che l’ex marito Stefano. 

MAMMA E FIGLIO: UN RAPPORTO SOLIDISSIMO NONOSTANTE LA SEPARAZIONE

«È stato emozionante vederli ballare insieme. Io ho vissuto gli anni in cui i miei genitori si davano addosso, ma non ho mai smesso di credere che un giorno ci saremmo tutti riuniti. Finalmente sembra che questo giorno sia arrivato. Io e i miei fratelli siamo molto felici»: così parlava qualche mese fa durante un’intervista a Verissimo (qui tutti i dettagli, ndr) il figlio appena maggiorenne della coppia più chiacchierata di inizio secolo nel jet-set italiano. «Dopo tutti questi anni e nonostante tutto, i miei non si sono mai persi sul fatto di essere genitori. I problemi li hanno sempre affrontati in maniera civile per quanto riguarda noi figli», spiegava ancora Niccolò che con la madre Simona ha un rapporto saldissimo e fortissimo proprio anche grazie a quel dramma che è stata la separazione quando era così piccolo. «Si è sempre genitori anche quando non c’è più l’amore. All'inizio non è facile, prevale l'istinto, la voglia di farla pagare all'altro. Ma con il tempo ci si rende conto come le vere vittime di queste separazioni siano i figli, che soffrono la situazione e non ne sono la causa», spiegava Super Simo intervistata da Maurizio Costanzo a fine novembre proprio a riguardo della storia con Stefano Bettarini e a quanto è cambiata la sua famiglia dopo quei fatti. Ora tutti di nuovo assieme attorno e abbracciati a Niccolò che ne ha bisogno dopo la bruttissima esperienza avvenuta in pieno centro a Milano.

© Riproduzione Riservata.