BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CALCIOMERCATO/ E' ballottaggio tra Llorente e Pazzini. Per Borriello c'è tempo...

Pubblicazione:

Juventus - Napoli (Infophoto)  Juventus - Napoli (Infophoto)

CALCIOMERCATO JUVENTUS. La Juventus inizia con il piede giusto la stagione della conferma in campo nazionale e del rilancio in quella internazionale. Lasciandosi apparentemente alle spalle il problema delle scommesse, la Juventus ha confermato di aver raggiunto una piena maturità vincendo una sfida difficile per la pioggia, la preparazione e ovviamente l’avversario. Adesso prima dell’avvio del campionato i dirigenti devono dedicarsi al calciomercato e mettere a segno alcuni colpi in uscita e scegliere definitivamente la strategia in merito al top player.
Sembra sempre più probabile che la Juventus ripieghi su un giocatore affidabile – uno tra Pazzini e Llorente (contando che proprio stamattina il giocatore ha rotto con l'Athletic Bilbao rifiutando un ricco rinnovo da 5,5 milioni all'anno), ma non è da scartare neppure un ritorno di Borriello – piuttosto che cedere a spese folli. Sfumato Van Persie, la Juventus rimane comunque alla finestra per altre operazioni di calciomercato dell’ultima ora (Dzeko) o per uno sgambetto all’Inter per Ramirez considerati i buoni rapporti con il Bologna.  In attacco servono cinque attaccanti: allo stato attuale – e senza un eventuale scambio Pazzini/Quagliarella – ne manca solo uno, visto che Boakye andrà a farsi le ossa. Con l’assoluzione di Bonucci, in difesa non dovrebbe arrivare nessuno; Masi resta fino a gennaio in attesa del pieno recupero di Caceres. Rimangono da piazzare Martinez (Maiorca o Catania), Iaquinta (Inghilterra) e Pazienza (le pretendenti Fiorentina e Lazio non mancano, ma il primo a muoversi era stato il Torino). Con l’approdo di Pogba anche Padoin (potrebbe tornare a Bergamo come contropartita per Peluso o essere girato al Bologna) è incerto sul da farsi. La posizione, invece, di Ziegler (Lazio o Turchia nel futuro) è legata a quella di Armero (o all’eterno obiettivo Kolarov), anche se lo staff tecnico pare orientato a spostare, all’occorrenza, anche Chiellini a sinistra, impiegando al centro Barzagli, Bonucci (Caceres) e Lucio. Con un Asamoah così, comunque, non c’è bisogno di ricorrere al mercato per cercare un laterale. Si guarda anche avanti con gli innesti per il 2013 di Gabbiadini e di Poli. Fin qui il calciomercato della Juventus, la cronaca dice che i campioni d’Italia dovranno fare a meno per 10 mesi del loro condottiero, il vero trascinatore dello scudetto. Apparentemente la società ha appoggiato e difeso il suo tecnico, anche se voci dall’interno (non sono confermate, ma continuano a prendere piede) dicono che il Presidente avrebbe chiesto un passo indietro a Conte per alleggerire la squadra dalle pressioni mediatiche. Antonio, però, non ci sta, perché non vuole perdere la sua creatura. La Juventus in queste settimane dovrà decidere se affidare la rosa a Carrera part-time (di fatto allena Antonio, ma in panchina va Massimo) o se attribuire pieni poteri (anche di formazione) a Massimo.



  PAG. SUCC. >