BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MORTO MOEBIUS/ La scomparsa di Jean Giraud, famoso fumettista

E' morto a 73 anni uno dei massimi disegnatori di fumetti di ogni tempo, il francese Jean Giraud, conosciuto con il nome d'arte di Moebius. Aveva cambiato il mondo dei fumetti

Moebius Moebius

E' morto Jean Giraud, in arte Moebius, uno dei più amati e conosciuti disegnatori e sceneggiatori di fumetti. Aveva 73 anni ed è scomparso dopo una lunga malattia. Il suo stile fumettistico era di quelli rari che sconfinavano nell'arte pittorica vera e popria. Moebius era nato nel 1938 nel paese di Nogent sur Marne, vicino a Parigi. I suoi esordi come disegnatore di fumetti avvengono a solo 18 anni di età, quando pubblica la sua prima cosiddetta striscia di fumetti: Frank e Jeremiè, sulla rivista "Far West". Degli anni sessanta è il primo dei suoi personaggi più conosciuti, il tenente Blueberry, ambientato anch'esso nel mondo dei cowboy che lui amava molto. Blueberry aveva i testi scritti dallo scrittore belga Jean Michel Charlier. Ed è proprio di quel periodo la scelta del nome d'arte Moebius (che prese ispirazione dal nastro di Möbius, la figura geometrica scoperta dal matematico omonimo e nota per essere l'esempio più semplice di superficie a una sola faccia). per disegnare sulla rivista di fumetti satirica "Hara-Kiri". Tornerà ad usarlo a metà anni settanta quando si dedicherà principalmente a fumetti ambientati nel mondo della fantascienza: saranno anche quelli più amati e che daranno vita a un culto della sua arte fumettistica. Li pubblica su una rivista da lui stesso fondata,"Metal Hurlant". La rivista ebbe tanto successo da venir pubblicata anche negli Stati Uniti con il nome di Heavy Metal. Venne chiusa nel 1987 per riapparire per un breve periodo di due anni dal 2002 al 2004. E considerata una delle più pionieristiche, affascinanti e innovative riviste a fumetti di ogni tempo. Collaborerà poi con personaggi fuori del mondo del fumetto come lo scrittore Alessandro Jodorowsky e il  cartoonist giapponese Hayao Miyazaki: insieme a quest'ultimo dà vita a una mostra tenuta nel 2004 a Parigi. Aveva ricevuto i massimi riconoscimenti da parte dello Stato francese, come l'Ordine delle arti e delle letterature. A fine anni ottanta fu celebrato da un apposito francobollo commemorativo del suo lavoro. Tra le sue innovazioni stilistiche è certamente da ricordar la serie Il garage ermetico in cui ideò l'abolizione del concetto stesso di sceneggiatura della storia. Per molti Moebius era un visionario del fumetto. Ha anche provato a entrare nel mercato americano disegnando una sua versione del famoso Silver Surfer, il personaggio scritto da Stan Lee.