BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

È morto

PAUL SAMUEL BOYER/ E' morto a 76 anni lo studioso che raccontò il processo di Salem

E’ morto all’età di 76 anni in seguito a un tumore lo storico americano Paul Samuel Boyer, professore emerito di storia americana e studioso della storia dei movimenti apocalittici

Foto: FotoliaFoto: Fotolia

E’ morto all’età di 76 anni in seguito a un tumore lo storico americano Paul Samuel Boyer, professore emerito di storia americana presso l'Università del Wisconsin e studioso della storia dei movimenti apocalittici statunitensi. Tra i suoi scritti vediamo quindi «Credenze e profezie nella cultura moderna americana» e «Masse urbane e ordine morale in America 1820-1920», ma Boyer si fece conoscere nel 1974 a seguito della pubblicazione del libro «Le possedute di Salem. Le origini sociali della stregoneria». Il testo ripercorreva infatti il celebre processo, iniziato nel 1692, che fece cominciare una serie di accuse, persecuzioni e esecuzioni capitali per il presunto reato di stregoneria. Questa caccia alle streghe cominciò nel New England, nell’ormai celebre villaggio di Salem, ma è necessario fare una precisazione: Salem Village era un piccolo insediamento nato nel 1636 per volontà delle autorità della vicina città di Salem, poi chiamata Salem Town proprio per distinguerla dal village. Questo insediamento, fino alla metà del XVIII secolo, fu sempre solamente una frazione di Salem Town, e nel corso di questo periodo ci furono molte proteste da parte dei residenti del village per chiedere una maggiore autonomia; tuttavia gli stessi abitanti del villaggio erano spesso divisi tra il diventare una comunità indipendente e il restare uniti a Salem Town. Nel suo libro, è proprio Boyer a dire chiaramente che queste divisioni interne abbiano molto influito durante i processi per stregoneria. Nel corso del processo 200 persone vennero accusate di stregoneria, altre 150 furono imprigionate, 55 torturate per aver reso false testimonianze e 19 tra uomini e donne furono giustiziate dopo essere state accusate di stregoneria. Il processo cominciò nel mese di aprile del 1692, per concludersi a novembre, interrotto da una dura protesta di alcuni influenti reverendi del Massachusetts, ma tutta la vicenda ebbe inizio nell’inverno tra il 1691 e il 1692, quando la figlia e la nipote di un parroco si iniziarono a comportare in modo bizzarro. Nessuno dei medici riuscì a fornire una spiegazione plausibile, così si cominciò a parlare di una possibile possessione da parte del demonio.