BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MORTO ROBERTO ROVERSI/ La scomparsa del poeta e giornalista, aveva 89 anni

E' morto a 89 anni di età il poeta e scrittore Roberto Roversi, figura simoblo della vita culturale della sua città, Bologna. Aveva anche scritto testi di canzoni per Lucio Dalla

Foto Infophoto Foto Infophoto

E' morto Roberto Roversi - Giornalista, scrittore, autore di testi per canzoni, ma soprattutto poeta come sicuramente lui amava essere ricordato. Bologna ha perso il suo poeta, Roberto Roversi, 89 anni di età, a gennaio del 2013 avrebbe compiuto 90 anni. Era infatti nato il 28 gennaio 1923. Aveva fatto la resistenza e poi era diventato un po' la voce autorevole della sua città, Bologna, attraversandone i decenni di vita politica e culturale. Secondo quanto dichiarato dalla famiglia, per volontà dello stesso Roversi, non ci sarà alcun ufficiale, né pubblico né in forma privata. Era sposato con Elena, ancora in vita, mentre il loro unico figlio, Antonio, era morto nel 2007 per causa di un tumore. Era professore all'unviersità di Bologna. Dopo la fine della guerra aveva cominciato a muovere i primi passi nel giornalismo all'interno della redazione della rivista Officina da lui fondata dove era diventato amico di Pasolini, quindi a Rendiconti per poi a metà anni sessanta decidere di lasciare il mondo del giornalismo ufficiale limitandosi a pubblicazioni auto gestite oppure collaborando con riviste indipendenti diventando anche direttore di Lotta Continua. Ma la sua attività riguardava ogni campo: ad esempio scrisse i testi per le canzoni di tre dischi di Lucio Dalla ("Il giorno aveva cinque teste", "Anidride solforosa" e "Automobili"). Scrisse testi anche per alcune canzoni degli Stadio, gruppo simbolo di Bologna, tra cui Chiedi chi erano i Beatles. Aveva poi scritto anche testi per il teatro, ad esempio Unterdenlinden, Il Crack e La macchina da guerra più formidabile, ma soprattutto la sua produzioen poetica è assai vasta.  Figura simbolo della cultura bolognese del dopo guerra, segue di poco la morte del suo amico Lucio Dalla. Il comune di Bologna ha voluto ricordarlo così: "E' con dolore che apprendiamo della scomparsa di Roberto Roversi". La nota del sindaco conitnua poi: "Partigiano, uomo di cultura, persona che della scrittura ha saputo fare un'arte interpretandola in ogni suo aspetto. E'  l'ennesimo lutto del modo della cultura bolognese, se ne va uno dei più grandi intellettuali che questa città abbia avuto. Una grande perdita".