BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FS/ Riassunti gli 8 lavoratori che timbravano il cartellino per i loro colleghi

Pubblicazione:

stazione_fs1R375_26ago08.jpg

Si è conclusa con una conciliazione e l'assunzione "ex novo" degli otto lavoratori la vicenda dei dipendenti Fs licenziati da Trenitalia lo scorso agosto per "uso improprio del badge", che cioè timbravano il cartellino per i loro colleghi.

A seguito della proposta formulata alle parti dal Giudice del Lavoro del Tribunale di Genova, informa una nota, la vertenza ha trovato una composizione sulla base di alcune specifiche condizioni previste nel verbale di conciliazione.
A fronte dell'iniziale richiesta dei ricorrenti di vedere dichiarato illegittimo il licenziamento adottato nei loro confronti, con conseguente reintegra nel posto di lavoro dal giorno del licenziamento, l'intesa raggiunta si fonda su due presupposti: il riconoscimento da parte dei lavoratori «dell’assoluta gravità della violazione commessa degli obblighi contrattuali, relativamente all’uso improprio ed illegittimo del badge, sanzionato con il licenziamento e l'accettazione del licenziamento, quale sanzione per il comportamento tenuto e il conseguente ritiro del ricorso».

Su questi presupposti, sottolinea la nota, Trenitalia «ha preso atto della maturazione della consapevolezza da parte dei lavoratori della gravità dell’inadempimento commesso e ha pertanto considerato ricostituito il rapporto fiduciario precedentemente venuto a cessare. Al fine di offrire una nuova opportunità ai lavoratori, Trenitalia ha pertanto ritenuto di poter definire la controversia con l'assunzione ex-novo dei ricorrenti dal 15 ottobre 2008».

«Conseguentemente, per il periodo di interruzione dell'attività lavorativa tra il primo ed il secondo rapporto di lavoro, i ricorrenti non riceveranno retribuzione e saranno privati della relativa contribuzione. Di fatto - conclude la nota - il lungo periodo di interruzione del rapporto di lavoro si pone per i lavoratori come un provvedimento sanzionatorio che va ben oltre la durata massima di 10 giorni di sospensione dal servizio, prevista dal contratto collettivo nazionale di lavoro».



© Riproduzione Riservata.