BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

IL CASO/ Il Times attacca gli italiani: maleducati per colpa di Berlusconi...

Matthew Parris, giornalista del Times, ritiene che la nostra civiltà sia in decadimento e ne approfitta anche per dare una stoccata al Premier. Su questo caso leggi i commenti di SANTE POLLASTRO e DAVIDE RONDONI

Times_FN1.jpeg(Foto)

Questa volta la tirata antitalica arriva da oltremanica. Se non è un giornale statunitense, ci pensano gli inglesi a prenderci in giro. Laggiù si diverton spesso a parlar male di noialtri perché han poco coraggio a guardarsi a casa loro, e noi fessi a dargli corda. Io in primis sono un fesso perché sto rispondendo all’ennesima malignata lanciata nei nostri confronti. Forse è un bene che si cominci da qua, dal reagire a un attacco facile facile, e non da uno di quelli frontali stile Economist, perché così, quando arriveranno quelli, saremo pronti, ben temprati e non rischieremo la querela.

Tal Matthew Parris si chiede come è possibile conciliare Venezia, Leonardo, Verdi e i Medici con gli spintoni e gli schiamazzi di quei maleducati vestiti super alla moda che ha incontrato in metro e che, guarda caso, parlavano italiano. Com’è potuta l’Italia decadere fino a tal punto, fino alla TV trash e (udite udite) al consumismo?

È pazzesco, non trovate? Che problema: come si è potuti arrivare dall’Italia delle Signorie a quella dei prodotti di consumo?! Domande da far girare la testa.

Tanto geniale è la questione che tale vate ha deciso di affrontare, quanto lo è la risposta da lui proposta: agli occhi dell’acuto giornalista l’immagine emblema di tale mutamento, nonché la causa, è Berlusconi. Acume e originalità in un sol colpo: Berlusconi. Pensavamo che tali illuminazioni venissero solo a Sabina Guzzanti, e invece colpiscono molte altre persone sulla faccia della terra.

Noialtri, che non siam geni dell’analisi, guardando a recenti turbamenti che attraversano Albione, dai ragazzini dal coltello facile fino alla corruzione della Bbc (fanno giochi così truccati che se Striscia fosse inglese avrebbe servizi fino al 2020), siamo tentati di chiederci: «Come ha potuto l’Inghilterra ridursi a tal punto?», e subito a rispondere: «Tony Blair! Sicuramente: è colpa di 15 anni di tonyblairismo». Non vi sembra evidente?

Solo ci chiediamo: il giorno in cui Corrado Augias diventerà Presidente del Consiglio, questi giornalisti di cosa scriveranno? Forse faranno un pezzo dicendo: «Ho visto in metro degli italiani che leggevano Guerra e Pace e mi son detto: eh, gli italiani, Augias che non son altro!».

Lasci stare, caro Matthew Parris, e si metta un po’ a studiare: gli italiani durante il Rinascimento erano attentissimi ai vestiti, e per il potere si ammazzavano. Berlusconi non centra: come vede, da allora è cambiato pochissimo.

(Sante Pollastro)

© Riproduzione Riservata.