BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MEMORIA/ L'assente ad Auschwitz non era Dio, ma l'uomo

Chi decide di vivere la Giornata della Memoria, spiega CLAUDIO MORPURGO, affronta una delle pagine più terribili della storia, ma al tempo stesso lancia una speranza per il futuro dell’uomo

auschwitzR375.jpg (Foto)

Il Giorno della Memoria è un giorno particolare, diverso dagli altri.

Se vogliamo, non è neppure un giorno, o non è soltanto un giorno; è, invece, un’ esperienza, un processo, lungo, tortuoso, spesso faticoso e doloroso, certo coinvolgente e complesso.

Chi decide di viverlo e di affrontarlo compie, quindi, una scelta importante, una scelta significativa e responsabile.

Perché decide di andare a fondo ad una delle pagine più terribili della storia dell’uomo e, nello stesso tempo e, proprio quando analizza e ripensa allo sterminio del Popolo ebraico, perché decide di impegnarsi consapevolmente per il futuro con l’obiettivo dichiarato di evitare che quella tragedia – o tragedie simili – possano, in qualsiasi forma, ripetersi.

Celebrare il Giorno della Memoria su queste basi, allora, significa fare una scelta di campo; una scelta decisa, inequivocabile, senza fraintendimenti.

Chi decide di viverla assume, pertanto, un impegno decisivo, per se e per chi ha intorno, donando una speranza autentica all’intera collettività.

Così il 27 gennaio, ogni 27 gennaio, diventa il momento della riflessione più sincera, della più sentita autoresponsabilizzazione. Non a caso i Maestri Ebrei di fronte alla domanda che ogni uomo naturalmente si pone di fronte alla morte, al dolore apparentemente senza spiegazione, “Dove era Dio ad Auschwitz?”, insegnano che la domanda più corretta sarebbe un’altra: “Dove era l’uomo”?. La responsabilità delle azioni dell'uomo ricade sull'uomo stesso. Devono essere gli uomini, tutti gli uomini, ad alzare la testa, ad impegnarsi attivamente ed in prima persona per costruire una società più giusta e solidale. Ogni uomo ha di fronte a se la possibilità di cambiare il mondo in cui vive, a condizione, però, che eserciti responsabilmente il libero arbitrio che gli è concesso, la libertà che gli è donata, la possibilità di optare tra il bene e il male.

Senza deleghe, senza timidezze, senza paure.

E, oggi, più che mai, è necessario questo processo di consapevole e diffusa autoresponsabilizzazione. Viviamo infatti in un epoca di generalizzati conflitti sociali, di razzismo e antisemitismo in costante crescita, seppur in forme talvolta dissimulate. Viviamo, soprattutto, in un’epoca che affronta con difficoltà la sfida della multiculturalità, dell’incontro tra diverse storie, culture, tradizioni. E’ questa la storia dei nostri giorni. Le appartenenze e le identità forti non vengono concepite come forma formans della società ma rappresentano, troppo spesso, fenomeni da emarginare, fenomeni che fanno paura. Anche alla luce del ricordo della Shoah, si può cogliere quella che è la vera sfida dei nostri giorni: costruire una “società di appartenenze” che faccia dialogare le cellule che, dopo la famiglia, più sono prossime ai bisogni, ai desideri e all’identità dell’uomo. Se si deve offrire un nuovo e originalissimo valore che serva da cemento per una società realmente laica e multiculturale, esso non va cercato nella cultura – troppe volte nichilista e laicista - della maggioranza, bensì in quella determinata dall’incontro delle “identità forti” trasformate in nuovi operatori culturali, in grado di dare al nostro mondo, nel suo insieme, nuovi motivi di omogeneità e di fiducia. Il pluralismo è una forma di speranza perché è basato sulla comprensione che, proprio in quanto diversi, ciascuno di noi ha qualcosa di unico con cui contribuire al progetto comune. Possiamo anche non essere sempre in sintonia, ma la vera consapevolezza che la differenza è socialmente costitutiva ci conduce a ricercare la mediazione, la risoluzione del conflitto, la pace. E la pace è fondata sulla diversità, non sull’uniformità. Non soltanto celebrando il 27 gennaio. Sempre.

© Riproduzione Riservata.
COMMENTI
02/02/2009 - non c'é pace senza giustizia (orazio gerosa)

non sono ancora stato ad Auschwitz ma a Buchenwald, a Sachsenhausen e ad un paio di centri raccolta come campi di lavoro per i deportati.Ho visto alcune documentazioni storiche su ghetti, ho letto anche alcuni libri fra cui L' industria dell'olocausto di Normann Finkelstein come un altro scritto da un ebreo (mi sfugge il nome)nei gulag russi, e ancora di Gabriele Krone-Schmalz,Peter Scholl-Latour, Karl Jaspers, Avi Primor, Christian Graf von Krockow, Primo Levi,ecc. ecc..sulla cultura come sul problema ebraico e Palestina. Via internet ho scoperto altre fonti di informazione come Gush Shalom, Human right watch ed altri ancora. Ebbene, trovo personalmente deprecabile la mattanza di Gaza e secondo un adagio cinese dico che "possiamo scegliere solo quello che vogliamo seminare ma poi siamo obbligati a mietere quello che abbiamo piantato" Concludo con quanto detto in un precedente commento e stigmatizzato dal Papa che: non c'é pace senza giustizia!

 
31/01/2009 - FERMARSI UN MOMENTO ED OSSERVARE (ALEXANDRA ROSSI)

Ho avuto modo in questi giorni di riflettere moltissimo su quanto sta succedendo oggi nel mondo. Sembra che tutto si stia muovendo ad una velocità vertiginosa. Sembra che tutto stia accelerando. La cosa che più mi terrorizza è il rendermi conto di come l’odio e la bestialità continuino tragicamente a dilagare sempre più apertamente e in modo sempre più violento ma soprattutto di QUANTA POCA ATTENZIONE le nostre generazioni vogliano più o meno consapevolmente dedicare a certe situazioni scomode a certi sintomatici e drammatici eventi che si verificano sistematicamente e che intaccano nel profondo quanto di più sacro Dio ci ha insegnato e donato: il sentimento d’amore e il rispetto del prossimo, il rispetto della vita, la bellezza della diversità, la dignità assoluta dell’essere umano nella sua unicità e totalità. Spero davvero profondamente che la giornata della memoria, al di là del significato più evidente che essa racchiude, ossia la necessità e il dovere per ognuno di noi di mantenere vivo SEMPRE il ricordo di quanto è successo, diventi pertanto un occasione per FERMARSI UN MOMENTO ED OSSERVARE; diventi cioè un momento di consapevole riflessione e di presa di coscienza e il punto di partenza per decidere apertamente di essere UOMO in modo inequivocabile.

 
27/01/2009 - Senza verità non c'è nessuna pace (Barbara Marcolini)

Sì è l’uomo, non Dio ad essere assente! E l’uomo di oggi non è altrettanto assente? Cosa può fare per evitare un’altra Shoah? Dire la verità, urlare la verità, condannare senza mezzi termini il terrorismo, l’antisemitismo, il negazionismo! Al contrario, dire “pace” senza segnare chiaramente le differenze non fa che moltiplicare le nostre colpe di omissione. Dalle mezze verità non fiorisce il bene, ma si accresce il male. Non c’è nessuna pace senza verità, nessuna pace senza giustizia!!