BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Le condizioni di Caterina Socci (1 ottobre 2009)

Pubblichiamo l’ultimo messaggio apparso oggi sul sito di Antonio Socci, ricordando l’invito alla preghiera per sua figlia Caterina, in coma dal 12 settembre scorso

Socci_AntonioR375.jpg (Foto)

Pubblichiamo l’ultimo messaggio apparso oggi sul sito di Antonio Socci, ricordando l’invito alla preghiera per sua figlia Caterina, in coma dal 12 settembre scorso.

 

In questi giorni sto “scoprendo” la vita di Caterina nei cinque anni di università a Firenze. Soprattutto ascoltando i canti che faceva, dove esprimeva ciò che aveva dentro, sento vibrare la sua anima.

C’è stato specialmente un canto - insieme a “Ojos de cielo” (che ho già messo qui nel mio blog e potete sentirlo) - che mi ha colpito e anch’esso è un canto per la Madonna, anzi è il suo stesso pianto su Gesù deposto dalla Croce, si intitola “Voi ch’amate lo Criatore” ed è tratto dal laudario di Cortona, del XIII secolo.

Ho scoperto questa cosa di Caterina due anni fa, a Pasqua, perché diversi amici di CL di Firenze mi scrissero mail o sms dicendomi che si erano commossi durante la Via Crucis per aver sentito come Caterina aveva cantato quell’antica lauda.

Sono finalmente riuscito a procurarmi la registrazione e sono rimasto senza fiato… Non è solo la commozione di risentire la sua bellissima voce, ma è l’intensità con cui ci fa entrare nel dolore della Madre del Salvatore.

Ascoltandola ho capito perché tanti si commossero quando l’hanno sentita. E ho capito anche perché si “impuntò”, perché voleva ad ogni costo cantarla lei (poi alla luce di quello che è successo…).

Ecco qui potete sentire il canto di Caterina e sotto trascrivo il bellissimo testo.

Ascolta “Voi ch’amate lo Criatore”

Voi ch’amate lo Criatore

(Laudario di Cortona, sec. XIII)

Voi ch’amate lo Criatore,

ponete mente a lo meo dolore.

Ch’io son Maria co’ lo cor tristo

La quale avea per figliuol Cristo:

la speme mia e dolce acquisto

fue crocifisso per li peccatori.

Capo bello e delicato,

come ti veggio stare enchinato;

li tuoi capelli di sangue intrecciati,

fin a la barba ne va irrigore.

Voi ch’amate lo Criatore,

ponete mente a lo meo dolore.

Bocca bella e delicata,

come ti veggio stare asserrata,

di fiele e aceto fosti abbeverata,

trista e dolente dentr’al mio core.

Voi ch’amate lo Criatore,

ponete mente a lo meo dolore.

 

CONTINUA LA LETTURA DELL'ARTICOLO, CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO