BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

BURQA/ Sbai: una proposta per liberare le donne

Burqa_DonneR375.jpg (Foto)

Non è attraverso un burqa o un niqab che l’essere femminile dimostra di essere una buona musulmana. Anche se questi indumenti sono in uso presso alcune donne immigrate di religione musulmana e italiane convertite all’islam, ciò non significa che senza il loro uso la professione del culto venga intaccata.

 

È in questo contesto che s’inquadra la mia proposta di legge contro l’uso del burqa e del niqab. Una proposta di legge che vuole difendere le donne ma anche l’individuo in quanto tale, con una propria personalità, con i suoi sentimenti e le sue idee.

 

Una proposta di legge già in discussione presso la Commissione Affari Costituzionali della Camera dei Deputati da due settimane e alla quale, da qualche giorno, si è affiancata quella presentata dalla Lega Nord che, pur ricalcando la mia nel merito, se ne allontana nella sostanza, laddove cita la professione di fede, additando il burqa o il niqab come «indumenti indossati in ragione della propria affiliazione religiosa».

 

La mia proposta di legge sul divieto dell’uso del burqa e del niqab, invece, si propone di liberare tutte quelle donne nascoste dietro un velo che distorce loro la realtà, facendo loro vedere il mondo esterno da una prospettiva sbagliata.

 

Una realtà che come donna e come parlamentare voglio contribuire a cambiare, ridando alla donna islamica la libertà di decidere come vivere, senza più alcun condizionamento, né fisico né mentale, voluto da un estremismo strisciante che imperversa sempre più. Una legge che rispetta la donna musulmana.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
14/10/2009 - giù il velo (donatella da corte)

Condivido le motivazioni di Souad Sbai, che ringrazio per il lavoro che fa e per il coraggio che ha!

 
08/10/2009 - Alla luce del sole. (claudia mazzola)

Il Burqa addosso ti fa diventare una cosa, non ci sei più. A Bs ho incontrato due donne conciate così, io sarò una miseria e mostro la mia faccia, mentre sotto quel velo c'è di sicuro un tesoro!