BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ASSEMBLEA CDO 2009/ Intervento di Giorgio Vittadini a "La tua opera è un bene per tutti"

Pubblicazione:lunedì 30 novembre 2009

Vittadini_GiorgioR375.jpg (Foto)

Come ci insegna Bernhard nei suoi corsi della Scuola d’Impresa, qual è la genialità di un capo di azienda? Quella di trovare i punti di forza dei collaboratori. Ciò implica anche l’idea di una formazione permanente che, benché desueta, è cruciale per l’impresa moderna. Ne nasce un’idea diversa di concorrenza: dal Rapporto citato emerge che prevale sulla “competizione darwiniana” di tipo neoclassico una tendenza a condividere con i concorrenti l’impegno nella ricerca, nello sviluppo, nelle strategie per migliorare la competitività e l’internazionalizzazione.

 

7. Replicabilità: il valore del soggetto

Questo approccio è l’unico che permetta una vera replicabilità delle esperienze virtuose nella società.

 

Nella tesi di dottorato in cui Ilaria Schnyder analizza alcuni progetti di Avsi viene detto, a proposito della riproducibilità: «Se con essa si intende la definizione di metodologie o tecniche d’intervento utilizzabili in altri contesti o situazioni in modo meccanico a prescindere dalle persone chiamate ad utilizzarle, è evidente che, per quanto emerso fino a questo momento, l’esperienza degli interventi a Novos Alagados/Ribeira Azul non è meccanicamente replicabile.

 

D’altra parte, proprio l’analisi di questa esperienza fa nascere la domanda se possa veramente esistere un’esperienza di sviluppo indipendente dalle persone implicate. Si deve perciò ripensare al concetto stesso di riproducibilità “in termini non meccanici, ma umani, ossia in cui nuove persone si coinvolgano con queste esperienze positive in prima persona, riproponendole in altri luoghi. Questo evidentemente va in una direzione completamente diversa dalla visione prevalente che privilegia il meccanicismo, la rapidità e la neutralità degli operatori» [12].

 

È il soggetto umano, finalmente riconciliato con se stesso, portatore di un desiderio non ridotto, in positiva relazione con altri uomini in esperienze associative e di movimenti che lo educano e lo correggono continuamente rispetto ai suoi inevitabili errori, che replica esperienze virtuose, nel mondo dell’impresa e nel welfare, per il bene suo e per il bene comune.

 

Questa è l’esperienza che sta alla radice della Compagnia delle Opere - con buona pace di tutti. Spero che altri la imitino, mentre noi continueremo a seguirla.

 

12 Ilaria Schnyder von Wartensee, Dalle politiche alle dinamiche di sviluppo: l’importanza dei soggetti, Università Bocconi, Dottorato di ricerca in Diritto internazionale dell’economia, 2009 Tutor: Prof. Alberto Brugnoli.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.