BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

YOUTUBE/ Video - Berlusconi contestato a Milano risponde urlando “Vergogna!”. Poi viene colpito al volto

Silvio Berlusconi in video è stato interrotto da una decina di persone che lo contestavano mentre stava tenendo il suo discorso in Piazza Duomo a Milano

Berlusconi_Milano_131209R375.jpg(Foto)

YOUTUBE - Silvio Berlusconi in video è stato interrotto da una decina di persone che lo contestavano mentre stava tenendo il suo discorso in Piazza Duomo a Milano. Dai contestatori sono partite alcune grida tra cui “Vergogna”. E Berlusconi ha così risposto: «Qua ci sono dei ragazzi che ci contestano. Vedete perché siamo qui e stiamo in campo? Perché noi queste cose non le faremmo mai con voi. Perché noi siamo gente libera, abbiamo uno spirito liberale. Noi vi lasceremmo esprimere le vostre cose, in un pacato dialogo tra noi. Per questo dobbiamo contrapporci a voi: perché voi vorreste trasformare l’Italia in una piazza urlante, che inveisce, che insulta, che condanna. Vergogna! Vergogna! Vergogna!».

I contestatori hanno quindi cominciato a urlargli «Buffone!», ma i sostenitori del Premier hanno cominciato a urlare: «Silvio, Silvio», sovrastando così le contestazioni. A questo punto Berlusconi ha detto: «Riprendiamo il nostro dialogo tra persone per bene. Diffidate sempre da chi è sempre così, da chi non ha autoironia, da chi si prende troppo sul serio, da chi è sempre arrabbiato, da chi non sa sorridere, da chi non sa amare gli altri».

Silvio Berlusconi dopo la manifestazione è stato però colpito al volto. Secondo i testimoni, il premier si è accasciato per terra ed è stato immediatamente caricato in auto. Il responsabile del gesto, un uomo, è stato fermato e portato in questura. In un primo momento si era diffusa la voce che avesse colpito il premier con una riproduzione in miniatura del Duomo. L'oggetto è caduto dalle mani dell'uomo quando lo hanno fermato e non è escluso che lo avesse stretto nel pugno quando ha colpito.

PER GUARDARE IL VIDEO CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO