BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

LA STORIA/ Vittadini: Natale, il peperoncino che brucia il pregiudizio

Mario Fiocca, architetto di Dorno nella Lomellina che lavora nel campo dell’agriturismo, è protagonista di un episodio che ci richiama al significato del Natale

PeperonciniR375.jpg (Foto)

Mario Fiocca, architetto di Dorno nella Lomellina che lavora nel campo dell’agriturismo, è protagonista di un episodio che ci richiama al significato del Natale (che non è il mito buonista del Babbo Natale e delle sue renne).

 

Condannato in primo grado a tre mesi di carcere e 50.000 euro di multa per aver tagliato, alla fine del 2002, un cedro del libano di circa 80 anni ormai morto e particolarmente pericoloso, nel 2007, in appello, viene assolto per non aver commesso il fatto. L’avvocato difensore non vuole nulla in cambio, ma gli chiede di collaborare con una decina di ergastolani per la realizzazione dell’orto del Supercarcere di Opera.

 

Quando Fiocca arriva nell’orto - ricavato in uno spazio di risulta dove erano stati abbandonati grossi ammassi di cemento armato - si trova davanti a una sterminata distesa di peperoncini di tutte le qualità, tra cui i più piccanti esistenti al mondo. Basito, chiede chi avesse deciso questo indirizzo di coltivazione che, a suo giudizio, non poteva avere molte prospettive: sarebbe stato meglio, secondo lui, far avere ortaggi nei vari reparti carcerari ed eventualmente offrire verdura fresca per le varie opere di carità che ruotano attorno al carcere.

 

Dopo inutili discussioni, mentre medita di lasciare il suo “incarico”, per non rendere del tutto inutile la sua presenza, Fiocca decide di distribuire tra i detenuti un po’ di fotocopie dei primi capitoli de Il Senso Religioso di don Luigi Giussani. Organizza dei momenti di discussione, dove i detenuti, però, fanno scena muta.

 

Come ultimo tentativo per consigliare i detenuti sull’orto fa entrare nel carcere un docente di agronomia della facoltà di agraria di Milano, il quale, ignaro dei precedenti dialoghi con i detenuti, di fronte a tutti commenta la visita all’orto: «Sai Mario, un peperoncino di così buona qualità e tenuto così in purezza non l’ho mai visto».

 

A Fiocca non resta che chiedere scusa, in particolare a Rocco, ideatore di tale produzione, e lui in modo ironico, ma severo gli dice: «Per forza: poca osservazione e molto ragionamento, inducono all’errore!», significativa frase di Alexis Carrel, premio Nobel per la medicina, citata da Giussani all’inizio de Il Senso religioso per bollare i pregiudizi con cui si guarda di solito la realtà. E Fiocca: «Ma come? Avete letto don Giussani? Perché non me l’avete detto?». E Rocco: «Tu non ci hai valorizzato, e perciò noi non abbiamo valorizzato te!».

 

Dopo questo episodio i rapporti divengono molto fraterni e cordiali. L’esperienza dell’orto continua e viene accordato a Fiocca il permesso di portar “dentro” anche benzina, pezzi di ricambio taglienti per il rasa erba e addirittura di servirsi del suo autocarro per portare il materiale. Fiocca viene anche interpellato dai detenuti per i più svariati motivi: immobiliari, agrituristici, affettivi, sportivi. Gli si chiede di sovrintendere alla costruzione di un muro nell’area più pericolosa.

 

CONTINUA A LEGGERE LA LETTERA, CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO


COMMENTI
31/12/2009 - semplicemente meraviglioso (alceste santuari)

quanto scritto da Giorgio Vittadini é proprio come richiamato alla fine dell'articolo la modalità più corrispondente e vera per affrontare le questioni della vita grazie Alceste Santuari

 
31/12/2009 - Nè farisei nè zanza, ma disponibili ad un incontro (Giuseppe Crippa)

Conosco alcune esperienze di aiuto ai carcerati, portate avanti con un superficiale irenismo (i carcerati tutti e sempre buoni, lo Stato sempre e solo ottuso) ma soprattutto senza la disponibilità a lasciarsi coinvolgere in un dialogo franco ed in condizioni di parità. Vittadini ci presenta l’ennesimo esempio di un approccio diverso, con una persona, Fiocca, che si confronta da uomo a uomo con Rocco, sapendo incassare il colpo quando se lo merita. Sta qui, a mio avviso, la specificità dell’approccio coi carcerati di chi ha capito, grazie anche a don Giussani, che dietro le sbarre ci sono persone come noi, bisognose di ricevere, attraverso un’esperienza, l’annuncio che Dio è diventato uomo. In questo approccio non c’è posto per discutere di sconti di pena, di permessi, di “diritti”, parole che possiamo volentieri lasciare agli “zanza”, ma di cose da fare dentro il carcere, durante la pena – che è giusto scontare tutta – per valorizzare la propria umanità attraverso il lavoro e la cultura.