BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TEMPI/ Camisasca: il mio Te Deum per il 2009

Pubblicazione:giovedì 31 dicembre 2009

San_Pietro_CupolaR375_17dic08.jpg (Foto)

Trovare delle ragioni per ringraziare vuol dire trovare uno sguardo nuovo sulla realtà, uscire dalla scontatezza con cui guardiamo la vita, uscire dagli schemi mutuati dalla sociologia, dal cosiddetto realismo che non è che la maschera della disperazione, dalla superficialità grigiastrache domina il discorso pubblico.

 

Cominciamo dalle cose che ci sono, non dalla crisi, da ciò che manca. Bisogna avere il coraggio di ricominciare dalle radici. Esse sono lo sguardo dell’infanzia. Un bambino può vedere ciò che un adulto non sa più scorgere, perché non ha gli occhi appannati dalla scontatezza e dalla pretesa. Se guardiamo così le cose semplici che costituiscono l’architrave dell’esistenza, pur con tutta la sua drammaticità e problematicità, possiamo trovare un nuovo punto di appoggio per affrontare la vita e le sue crisi.

 

La prima cosa per cui ringrazio è che torna il sole al mattino. Fa quasi ridere dirlo, siamo talmente abituati a dare per scontato questo miracolo quotidiano, ma forse chi ha vissuto un po’ di insonnia può capire ciò che dico. Chi non dorme di notte, o comunque non dorme alcune notti, è assalito dalla grande paura, verso le quattro del mattino, che il sole non ritorni, che il buio si prolunghi all’infinito. Non è un po’ questa l’angoscia sotterranea di tanta letteratura recente, da Aspettando Godot a Il deserto dei tartari? Il sospetto mortale che l’attesa non abbia fine…

 

Poi ringrazio che esistono sulla terra i fiori. Esistono sulla terra i colori. Quando finisce la notte, il bene è reso visibile in questi milioni, miliardi di piccoli esseri il cui scopo principale è essere belli. Sono la presenza elementare del bene che Dio ha regalato a tutti. Tutti possono godere dei fiori e dei colori. Ricordiamo l’espressione di Gesù, che Dio fa piovere sui buoni e sui cattivi, sui giusti e sugli ingiusti (Mt 5,45).

 

Non è straordinario questo? Perché questa abbondanza che rende un qualsiasi prato un tappeto di colori? Perché così tanta varietà, le infinite sfumature del verde delle piante? Imparo da questa sovrabbondanza che Dio è gratuità. Esiste ancora in molti cuori il valore, il peso e l’esperienza della gratuità. Anche noi uomini possiamo partecipare della gratuità di Dio. Penso per esempio alle Famiglie per l’Accoglienza, alla comunità Cometa di Como, a chi, come loro, accoglie i bambini che non hanno casa. Ci sono esempi concreti di gratuità che testimoniano la sorgente da cui rinasce la vita.

 

Ogni volta che mi confesso sono invaso dalla gratitudine per questo immenso dono. Addirittura il peccato, ciò che è oggettivamente male nella nostra vita, molto più che ogni disgrazia e malattia, può essere perdonato. Da questa esperienza nasce una straordinaria libertà, la possibilità di risalire alla luce da qualsiasi punto in cui siamo caduti. «Laddove è abbondato il peccato ha sovrabbondato la grazia» scrive san Paolo nella lettera ai Romani (Rm 5,20).

 

Vale la pena di ascoltare il seguito della lettera: «Che diremo dunque? Continuiamo a restare nel peccato perché abbondi la grazia? È assurdo!» (Rm 6,1). Il perdono di Dio mette dentro di noi un profondo desiderio di conversione, di cambiamento. Don Giussani ha scritto: «Moralità è guardare Cristo». Guardo Cristo domandando di amarlo, di non peccare più.

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO, CLICCA SUL PULSANTE >> QUI SOTTO


  PAG. SUCC. >

COMMENTI
01/01/2010 - Guardare al positivo (OSVALDO ATTOLINI)

Caro Don Massimo, ieri sera prima che cominciasse il Te Deum nella nostra Parrocchia avevo il desiderio che il 2009 finisse in fretta e con lui tutte le cose che sono andate storte. Poi mi sono venute in mente le parole che hai scritto sul Sussidiario e ho cominciato a pensare invece a tutto quanto di positivo è successo nel 2009: due figli che si sono sposati, due nipotini in arrivo,la nostra famiglia, gli amici che abbiamo conosciuto in vacanza questa estate, e tanto altro ancora.Che operazione di igiene mentale ci fa compiere la Chiesa nel ringraziare per tutto il positivo che ci circonda!Anche i sacerdoti e seminaristi della San Carlo ci offrono sempre questo sguardo stupito che hai tu sulla realtà cogliendone la Bellezza. Grazie di cuore!

 
31/12/2009 - ti ricordi ? Io sì. (attilio sangiani)

Caro don Massimo quanta strada da quel "dipartimento di scienze religiose "che,laici di A.C. sulla via di scoprire don Giussani e di innamorarci di Cristo attraverso di lui,abbiamo frequentato nel lontano 1968 ! Questo innamoramento mi ( o "ci" ? ) ha salvato dall'abisso del '68 di Marcuse.... Ti ringrazio per questo articolo e "perchè ci sei anche tu " e ti abbraccio . Attilio

 
31/12/2009 - Grazie (Ornella Bellesi)

Monsignor Camisasca, le sue parole mi affascinano sempre come quando le ascoltavo da Don Massimo a Bergamo. Grazie per questo suo ricordo della bellezza e per l'invito a godere di ogni cosa che ci circondi. Penso che se tutti imparassero questo ci sarebbe meno bisogno di cure psichiatriche. Il guaio, temo, è che in certi stati psicologici qualcuno, invitato a godere così della vita, possa pensare che si minimizzino i suoi sentimenti. Come mi dichiarai una volta, la Sua figlia spirituale Ornella Bellesi P.S. In realtà, non posso negare un'altra paternità spirituale: quella di Monsignor Vecerrica, da quando era Don Giancarlo. Tantissimi auguri a Lei e alla Fraternità di San Carlo Borromeo.