BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

TETTAMANZI/ Comunione e Liberazione grata all’Arcivescovo di Milano

Pubblichiamo il comunicato stampa di Comunione e Liberazione a seguito dell’omelia del Cardinal Tettamanzi di Sant’Ambrogio

Tettamanzi_DionigiR375.jpg (Foto)

Pubblichiamo il comunicato stampa di Comunione e Liberazione diffuso a seguito dell’omelia del Cardinal Tettamanzi in occasione della festività di Sant’Ambrogio

 

Il movimento di Comunione e Liberazione è grato al cardinale Tettamanzi per le parole pronunciate durante l’omelia di Sant’Ambrogio, quando - commentando la parabola del buon pastore - ha ricordato la passione della Chiesa per la vita di ogni uomo, poiché «il rapporto tra Gesù e noi non è un rapporto generico, indistinto, di massa - siamo il suo “gregge” -, ma un rapporto personale, personalissimo: tocca a ciascuno di noi nella propria unicità e irrepetibilità». È proprio in questo sguardo di Cristo che noi ritroviamo noi stessi, noi che non ci sentiamo a posto, ma siamo come la centesima pecora del Vangelo.

Questa è la ragione che riconosciamo all’origine della sensibilità dell’Arcivescovo per ogni persona della diocesi ambrosiana, in particolare quell’impeto di carità per coloro che più vivono in una condizione sociale disagiata. E questo è il motivo della responsabilità di un vescovo nella Chiesa, come ha detto l’Arcivescovo ancora nell’omelia: «Nell’interpretazione di Ambrogio il vigilare del pastore sul gregge è un aspetto della sua missione evangelizzatrice, del suo compito di far risplendere - nella notte del mondo non credente - la luce di Cristo».

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO