BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

GIUSSANI/ 1. Socci: quello sguardo è ancora presente

A quattro anni dalla scomparsa di Monsignor Luigi Giussani, fondatore del movimento di Comunione e Liberazione, il giornalista e scrittore Antonio Socci lo ricorda così: uno sguardo capace di rendere presente lo sguardo di Gesù

giuss_primopianoR375.jpg(Foto)

Spesso ai miei figli ho desiderato parlare degli occhi di don Giussani. Del suo sguardo. Perché gli amici di Gesù finiscono per somigliargli, per avere lo stesso cuore e lo stesso sguardo. Noi abbiamo potuto accorgercene. La nostra generazione ha avuto questa sfacciata fortuna. Questa Grazia. Noi che abbiamo potuto ascoltare don Giussani, conoscerlo, parlarci. Guardarlo parlare. Noi che ci siamo sentiti guardare, uno per uno, ognuno – anche fra altri diecimila – in una maniera esclusiva, che abbracciava la mia anima, la tua anima. Con una stima indomabile in noi che stava insieme a una infinita misericordia. Il suo sguardo diceva a ciascuno di noi: “io sono con te!”. Era veramente con me, più di me stesso. Mi avrebbe difeso contro il mondo intero. Anzi, mi ha difeso contro il mondo intero. Ha scommesso su di me anche dopo mille miei errori. Mi ha abbracciato dopo mille cadute. (E come lui anche i suoi figli, i miei fratelli, lo fanno). Questo è quello che si percepiva. E che abbiamo visto con i nostri occhi. E che continua ad accadere.

E pensando al suo sguardo e al suo volto mi viene in mente quando raccontava certi episodi del Vangelo. Li avevi letti tante volte, li avevi sentiti una miriade di volte, ma con lui succedeva una cosa strana: li faceva accadere. Lì, davanti ai tuoi occhi. Ti sembrava di vederli, ti sembrava di sentirli per la prima volta. Ti sembrava che lui li avesse visti. Che lui ci fosse quel giorno con Gesù.

Viene in mente, pensando a don Giussani, ciò che Hauviette – nel “Mistero della carità” di Péguy – diceva a Giovanna d’Arco: «Tu vedi. Tu vedi. Quello che sappiamo, noi altri, tu lo vedi. Quello che c’insegnano, a noi altri, tu lo vedi. Il catechismo, tutto il catechismo, e la chiesa, e la messa, tu non lo sai, tu lo vedi, e la tua preghiera non la dici, non la dici soltanto, tu la vedi. Per te non ci sono settimane. E non ci sono giorni. Non ci sono giorni nella settimana; e non ore nella giornata. Tutte le ore per te suonano come la campana dell’Angelus. Tutti i giorni sono domeniche e più che domeniche e le domeniche più che domeniche».

La generazione dei nostri figli non ha visto lo sguardo che ha incantato e fatto fiorire la nostra giovinezza. Io mi sono sentito dire: “beati voi”. E’ vero. Beati.

Anche la Giovanna d’Arco di Péguy, pensando a coloro che poterono vedere Gesù, dice così: «Felici coloro che bevevano lo sguardo dei tuoi occhi». E dice ancora: «Voi avete visto il colore dei suoi occhi; avete udito il suono delle sue parole. Voi avete udito il suono stesso della sua voce. Come dei fratelli minori vi siete rifugiati nel calore, nel tepore del suo sguardo. Vi siete riparati, vi siete messi al coperto al riparo della bontà del suo sguardo. Di voi stessi ebbe pietà davanti a quella folla. Gesù, Gesù, ci sarai mai così presente».

“Egli è qui”, così Madre Garvaise risponde a questo grido di Giovanna. E anche attraverso il volto dei santi Gesù raggiunge ogni generazione. Nei secoli. Attraverso lo sguardo, il volto, la voce di don Giussani ci ha raggiunto lo sguardo, il volto, la voce di Gesù. E si vive per questo. Per vedere ogni giorno, di nuovo, il suo sguardo che “ebbe pietà di noi”. Per risentirlo parlare e accadere. Oggi proprio come allora. Come don Gius ripeteva sempre, con le parole di Moelher: «Io credo che non potrei più vivere se non lo sentissi più parlare».

Ma “Egli è qui”.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
25/02/2009 - il suo sguardo su di me (Corrado Rizzi)

è sempre stato ....attivo,ci siamo incrociati 3 o 4 volte ma sempre mi ha abbracciato e lanciato; la definizione migliore resta quella di Socci: Beati noi perché siamo stati visitati, toccati dal Mistero.

 
25/02/2009 - grazie (Graziella Gabrielli)

grazie!!!! ci descrivi e Lo descrivi!!! grazissimo

 
24/02/2009 - Beati voi (Luisa Macchi)

E sì! Leggendo i vostri commenti posso proprio dire: "beati voi!", perchè io non ho mai avuto la Grazia di "quello sguardo su di mè", di "quel volto", nè tantomeno di "quella voce". Prego Gesù di poter incontrare uno sguardo così, uno sguardo che vinca il mio torpore, che spalanchi il mio cuore e che mi appassioni a tutta la realtà, anche nelle situazioni più difficili.

 
24/02/2009 - Grazie! (Daniela Germani)

Durante gli ultimi interventi del Gius non prendevo più appunti: ero attratta da quello sguardo, da quegli occhi che vedevano Cristo e che guardavano me. Grazie Socci per essere riuscito a esprimere con le parole quello che serbo nel cuore.

 
23/02/2009 - se non credete a me, credete almeno alle mie opere (Sandro Cammarano)

così diceva Lui..così oggi io posso essere testimone di aver visto e di continuare a vedere le sue opere, inconfondibili, perchè nulla al di fuori di esse mi genera quella umanità che solo il divino riesce a sostenere e che come ha colpito i primi, colpisce tutt'oggi noi altri ultimi..

 
23/02/2009 - LO SGUARDO DI QUESTA MATTINA (Angelo Lucio Rossi)

Quello sguardo mi ha generato.Ho nel cuore e nella mente le volte che quello sguardo mi ha spalancato e fatto camminare con baldanza.Quello sguardo mi ha appassionato a tutta la realtà. Quello sguardo mi ha sostenuto nel cammino educativo fino a portarmi a dirigere una scuola. Quello sguardo è ancora presente e mi permette di vivere l'avventura dell'educazione come un avvenimento. Non c'è nessun potere, nessun ostacolo, nessuna riforma, nessun impedimento che possa ostacolare quello sguardo che comunica il mio proprio modo di rapportarmi con il reale.Anche se la generazione dei nostri figli non ha visto lo sguardo che ha incantato e fatto fiorire la nostra giovinezza può incontrare il nostro sguardo.Con questo sguardo accade una presenza, per il modo di vivere il reale, ridestando l'interesse degli altri.Quello sguardo l'ho rivisto con commozione sabato scorso incontrando gli amici del Rione Sanità che vivono l'avventura dell'educazione nel rapporto con i minori.Quello sguardo è presente nella mia scuola in un quartiere degradato a Pescara.Quaranta volontari a turno nel pomeriggio condividono con bambini della primaria e i ragazzi delle medie inferiori l'aiuto allo studio e altri laboratori espressivi.Persone che non sono vinte dal torpore che trovano l'energia e il coraggio di mettersi insieme per sostenere e accompagnare il bisogno di ognuno.Quello sguardo testimonia ogni giorno che c'è una reale possibilità di ripartire anche nelle situazioni più difficili.