BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

TERREMOTO ABRUZZO/ E’ giusto il 5 per mille ai terremotati? La risposta di Vittadini su Oggi

La proposta del ministro Tremonti ha sollevato un vespaio. Non è una buona idea? Ecco la risposta di Giorgio Vittadini, presidente della Fondazione per la Sussidiarietà, pubblicata sul settimanale Oggi

Terremoto_Aquila_ricercheR375_06apr09.jpg(Foto)

La proposta del ministro Tremonti ha sollevato un vespaio. Non è una buona idea?

RISPONDE

Giorgio Vittadini

Presidente della Fondazione per la sussidiarietà

Il 5 per mille è legge in controtendenza: prevede che sia il cittadino a decidere a quale soggetto del privato sociale di pubblica utilità debba andare parte delle sue tasse; mentre di solito è lo Stato che preleva fondi ai cittadini per poi usarli per i servizi.

Il principio base del 5 per mille è la sussidiarietà, che valorizza le potenzialità di ogni persona, per rispondere ai propri bisogni. Va ricordato che i destinatari del 5 per mille svolgono attività sociali, sanitarie, assistenziali e proprio per il terremoto sono stati i primi ad accorrere. Vi fanno parte realtà di Protezione civile, il Banco alimentare, le Misericordie, la Caritas, l’Associazione nazionale alpini, la Croce Rossa...

Perciò, destinare centralmente il 5 per mille alla ricostruzione post sismica è contraddittorio. Il 5 per mille è e deve restare a disposizione delle opere che rappresentano la creatività di un popolo educato a rispondere liberamente ai bisogni che emergono.

Pubblicato su Oggi del 22/04/2009

© Riproduzione Riservata.