BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MAFIA/ Cronistoria del mafioso Rosario Gambino, oggi tornato in Italia

Pubblicazione:

Membro di spicco della Gambino Family di New York, Rosario Gambino - giunto oggi in Italia, proprio nel giorno del diciassettesimo anniversario dell'attentato in cui perse la vita il giudice Giovanni Falcone, che per primo insieme al Pool antimafia aveva collegato il suo nome al caso di Michele Sindona e poi ai traffici della cosiddetta “Pizza Connection” - dovrebbe al momento già essere stato rinchiuso nel carcere romano di Rebibbia. Ecco di seguito una breve cronistoria del boss mafioso. ANNI '60: emigra negli Stati uniti insieme ai fratelli Giuseppe e Giovanni e nel 1968 arriva a Little Italy, dove da ex muratore diventa in breve tempo manager della droga. 1979: coinvolto insieme ai fratelli nell'inchiesta sul presunto rapimento dell'ex banchiere Michele Sindona; il suo nome viene legato ai grandi processi di mafia, tra cui l'indagine sul traffico di droga tra Italia e Usa denominata “Pizza Connection”. 1980: il giudice istruttore Giovanni Falcone emette nei suoi confronti un mandato di cattura per associazione per delinquere finalizzata alla commissione di reati di indole mafiosa. 1984: per le sue attività nel settore della droga viene condannato negli Usa a 45 anni di carcere. 2001: una Commissione del Congresso americano viene a conoscenza di un assegno di 50 mila dollari girato dai familiari di Gambino a favore di Roger Clinton, fratellastro dell'ex presidente. Nello stesso anno, il 30 marzo, il governo italiano presenta agli Usa la richiesta di estradizione. 2004: il giudice della Corte distrettuale americana della California Ralph Zarefsky rigetta il 18 maggio la richiesta italiana. 2007: a marzo viene scarcerato dal Federal Correctional Institute di Terminal Island in California e internato nel Centro per Immigrati di San Pedro, sempre nello stato della California, poi viene espulso. 2009: il 24 maggio fa ritorno in Italia accompagnato da 4 funzionari del Servizio centrale operativo.



© Riproduzione Riservata.