BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

RIFUGIATI/ Napolitano: crisi non porti a indifferenza

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano lo sottolinea nel messaggio inviato agli organizzatori e ai partecipanti della conferenza per la celebrazione della Giornata Mondiale del Rifugiato

«Abbiamo il dovere di puntare alla costruzione di un ordine internazionale improntato a giustizia e solidarietà, che coniughi pacifica convivenza fra i popoli e tutela dei diritti dei singoli». Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano lo sottolinea nel messaggio inviato agli organizzatori e ai partecipanti della conferenza per la celebrazione della Giornata Mondiale del Rifugiato.

«Il tema prescelto per l'edizione di quest'anno, “Rifugiati non solo numeri - real people, real needs” - scrive Napolitano - è quanto mai attuale in considerazione del numero sempre crescente di persone che tentano di sfuggire alla guerra e alle persecuzioni politiche. Le emergenze politiche e umanitarie dei nostri giorni e il severo impatto della crisi economica mondiale non possono lasciarci indifferenti e ci richiamano ad un impegno collettivo per l'attuazione delle intese raggiunte al livello delle Nazioni Unite e dell'Unione Europea a tutela dei richiedenti asilo e dei rifugiati. Ricordo a questo riguardo - prosegue il Capo dello Stato - il patto sull'immigrazione e l'asilo approvato dal Consiglio europeo nel dicembre 2008, che esorta ad adottare le iniziative appropriate per costruire un'Europa dell'asilo, mantenendo un intenso dialogo con l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, per assicurare alle persone che vi hanno diritto un adeguato livello di protezione. Abbiamo il dovere di puntare alla costruzione di un ordine internazionale improntato a giustizia e solidarietà, che coniughi pacifica convivenza fra i popoli e tutela dei diritti dei singoli».

Napolitano si dice certo «che dall'odierna conferenza emergeranno utili indicazioni per favorire una migliore definizione delle politiche di asilo».

© Riproduzione Riservata.