BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

G8/ L'Aquila: i leader tra le rovine provocate dal sisma

Con l'atterraggio a Roma dei presidenti americano e russo Barack Obama e Dmitri Medvedev, si è completato l'arrivo dei protagonisti del G8 dell'Aquila

Con l'atterraggio a Roma dei presidenti americano e russo Barack Obama e Dmitri Medvedev, si è completato l'arrivo dei protagonisti del G8 dell'Aquila. Mentre i due capi di Stato giungevano a Pratica di Mare, il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi era in visita con la cancelliera Angela Merkel tra le rovine di Onna, la cittadina distrutta dal devastante sisma del 6 aprile. Anche il primo ministro giapponese Taro Aso ha voluto visitare le zone colpite dal terremoto e si e' soffermato nel centro dell'Aquila davanti alla Chiesa della salute, scioccato dalla vastita' dei danni. Intanto, il presidente Obama era al Quirinale per l'incontro con il presidente Giorgio Napolitano. Entrambi hanno sottolineato il clima di grande intesa e collaborazione tra i due governi. Al vertice, che comincera' formalmente con un pranzo di lavoro sui temi economici alle 13:30, e' stata indirizzata la preghiera di papa Benedetto XVI che ha esortato i leader riuniti a pensare ai piu' poveri. Ai lavori del G14 di domani sara' invece assente il presidente cinese Hu Jintao, richiamato in patria per i disordini nello Xingjang. Su quanto scritto ieri dalla stampa straniera, che anche oggi con il Guardian e il New York Times non risparmia critiche alla presidenza italiana, e' giunta oggi una smentita dalla Casa Bianca. Elogiando il lavoro preparatorio svolto da Roma, si e' affermato che non risponde a verita' il fatto che gli Usa avrebbero fatto telefonate agli sherpa del G8 per sopperire a presunte inadeguatezze italiane. Tutto quindi e' pronto al quartier generale del vertice, nella caserma della Guardia di finanza di Coppito, per l'inizio vero e proprio dei lavori, mentre continua lo sciame sismico, peraltro con scosse di lieve intesita' che non vengono avvertite.

© Riproduzione Riservata.